Martedì, 21 Settembre 2021
Altri Sport Montevarchi

Olimpiadi, Lara Mori lascia Tokyo a testa alta: "E' stato pazzesco. Orgogliosa di quanto fatto"

Penalizzata dalla trave, applausi per il corpo libero: la ginnasta valdarnese torna a casa dopo le qualificazioni all'esordio olimpico. "L'esperienza più bella della mia vita", dice.

Le azzurre della ginnastica artistica, al centro Lara Mori (foto dal profilo Instagram di Lara Mori)

"L'esperienza più bella della mia vita", così Lara Mori definisce l'avventura olimpica a Tokyo 2020 appena conclusa. Emozioni incredibili per la ragazza valdarnese che dopo l'eliminazione farà ritorno a casa, tifando per le compagne che avranno l'occasione di giocarsi un posto sul podio.

Il verdetto della notte giapponese

La ginnastica artistica femminile batte infatti due colpi in vista delle finali olimpiche: Vanessa Ferrari, che a 30 anni ha dimostrato ancora tutto il suo valore, e il collettivo azzurro della prova a squadre, che "vede" l'approdo all'ultima prova dopo una qualificazione da applausi. Ma grandi applausi li merita tutti anche Lara Mori, l'unica atleta della provincia di Arezzo a Tokyo, che nel singolare esce a testa altissima dalla competezione: in particolare per la prova a corpo libero, meno bene è andata alla trave.

La cronaca della notte olimpica

La squadra azzurra di artistica femminile ha concluso con 163.330 riuscendo nell’impresa di battere il Giappone a casa sua, fermatosi a quota 162.662: le firme sono di Martina Maggio, Alice D’Amato, Asia D’Amato e ovviamente Vanessa Ferrari. La squadra azzurra, salvo sorprese del pomeriggio, dovrebbero tornare in pedana il 27 luglio per la finale, mentre Vanessa Ferrari come singolarista potrebbe scrivere un'altra pagina di storia il 2 agosto.

Un'esperienza incredibile per Lara Mori

"Lara Mori atterra con difficoltà dalla rondata con due avvitamenti e mezzo. Si capisce che le fa ancora male il nervo sciatico della gamba destra dal gesto che rivolge al fisioterapista Salvatore Scintu. Il giglio di Montevarchi deve accontentarsi di un 12.133 al di sotto del suo standard", è la cronaca di Federginnastica.it per la prova alla trave. Meglio la prova a corpo libero sulle note di un medley dei Qeen e una chiusura "con un 13.400 e una bellissima storia da raccontare".

Il commento su Instagram

E dopo la conclusione della prova, nonostante l'eliminazione, l'atleta valdarnese lascia fluire tutte le emozioni positive in un post su Instagram: "L'esperienza più bella della mia vita, mai avrei pensato che fosse così pazzesco ed emozionante. Grazie a tutti per il supporto e i bellissmi messaggi. E soprattutto grazie alle mie compagne che mi hanno accompagnato in questa avventura. E gamba per le finali. Orgogliosa".

Articolo aggiornato alle 18,10

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Olimpiadi, Lara Mori lascia Tokyo a testa alta: "E' stato pazzesco. Orgogliosa di quanto fatto"

ArezzoNotizie è in caricamento