rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Altri Sport

Spettacolo ed emozioni al Miravalle per la prima finale. Lievi conseguenze dopo l'incidente tra piloti

Il Campionato italiano Junior MX è più forte anche della canicola africana. I vincitori (nonché leader del tricolore) sono Assini, Mannini, Uccellini e Zanchi, il pilota di casa Napolitano rimonta e trascina all’entusiasmo il pubblico

Il caldo canicolare (oltre 35° il picco raggiunto durante le gare) non ha fermato i 208 giovanissimi piloti che, al circuito Miravalle di Montevarchi, hanno dato vita alla prima finale del Campionato italiano Junior MX, la formula erede del tradizionale minicross. Le condizioni meteo eccezionali hanno messo a dura prova la preparazione e la resistenza dei piccoli protagonisti ma nessuno si è risparmiato, dando anzi veramente il massimo. La gara, organizzata in maniera impeccabile dal Moto Club Brilli Peri in collaborazione con il promoter Off Road Pro Racing, ha assegnato anche le prime tre tabelle rosse che spettano ai leader del tricolore. Dopo le due manche disputate in Valdarno, a guidare le classifiche sono dunque il lombardo Francesco Assini (Gas Gas), 11 anni, nella categoria 65 Cadetti; il toscano di Sansepolcro Andrea Uccellini (Husqvarna), 12 anni, nella 85 Junior, e un altro toscano, Ferruccio Zanchi (Yamaha), 15 anni, di San Casciano Val di Pesa, nella 125. Per la 85 Senior si trattava invece già della seconda finale e, con il successo pieno colto a Miravalle, la quarta tabella rossa va ancora ad un toscano, il senese Niccolò Mannini (KTM), tra pochi giorni quattordicenne. Questi piloti sono anche i vincitori assoluti del week end mentre sono stati premiati tutti insieme, senza classifiche, i nove esordienti che hanno dato vita alla formula Primi Passi, una sorta di classe-studio, creata appositamente per debuttanti di 8 anni. Quattro i piloti del Moto Club Brilli Peri che nella fase preliminare della stagione avevano conquistato l’accesso alle finali. Nella 65 Cadetti Thomas Baldi (KTM), umbro, di 10 anni, ha chiuso al 18° posto assoluto, offrendo una prestazione molto brillante.
Nella 125 il senese Luca Gerlini (Yamaha), 15 anni, ammesso al gruppo A, quello dei 40 più veloci nelle qualificazioni, si è classificato 24° assoluto; di particolare valore la sua rimonta in gara 2, dalla 29.a alla 21.a èosizione. Non è riuscito invece ad entrare nel raggruppamento superiore Cosimo Bimbi (Husqvarna), 15 anni, al primo anno nella ottavo di litro; ma il pilota di San Giovanni Valdarno si è distinto nel gruppo B ottenendo, rispettivamente, un ottavo e un quinto posto di manche.

Ma il vero “eroe” della giornata è risultato il quarto finalista “targato” Brilli Peri, Gabriele Napolitano (KTM), nato a Montevarchi, residente a Cavriglia, che compirà 14 anni a luglio. Reduce da una stagione caratterizzata da infortuni che lo hanno tenuto a lungo fermo, Napolitano si è preparato con grande serietà per tutto l’inverno ed è riuscito subito ad entrare nella top ten dell’agguerritissima categoria 85 Senior.

Undicesimo sotto la bandiera a scacchi di gara 1, dopo essere stato anche nono nei primi giri, il driver valdarnese si è scatenato nella seconda frazione. E’ rimasto infatti imbottigliato alla partenza, trovandosi oltre la ventesima posizione: in quel momento, sospinto anche dal pubblico assiepato sulle tribune del Miravalle, ha suonato la carica ed ha effettuato una furiosa rimonta. Undicesimo il suo piazzamento finale che gli è valso appunto un posto nella top ten di categoria.

Grande soddisfazione finale per l’intero staff del Brilli Peri – sotto gli occhi dell’ex-campione del mondo Andrea Bartolini, ora coordinatore del settore Junior MX, e dell’Assessore comunale allo sport, Lorenzo Allegrucci – che ha saputo condurre molto brillantemente in porto una manifestazione già di per sé complessa e resa ancor più impegnativa dal caldo torrido. Ha funzionato, in particolare, il sistema di irrigazione manuale che, nei brevi intervalli concessi dal programma, ha consentito di ridurre veramente al minimo la polvere.


Ha avuto un esito fortunatamente benigno anche l’incidente in cui, poco dopo le 12.00, sono incappati due piloti della cat. 85 Junior, entrati in contatto dopo la partenza. Per uno dei due l’equipe medica in pista ha subito eseguito gli screening ecografici e multiparametrici, accertando la stabilità emodinamica delle sue condizioni; i sanitari hanno comunque allertato, a scopo precauzionale, l’elisoccorso Pegaso, come da protocollo regionale per i politraumi. Il giovane è stato quindi elitrasportato al Meyer di Firenze, in ogni caso era sempre rimasto stabile, vigile, e accusava solo un’amnesia dell’evento traumatico. L’altro conduttore è stato invece condotto all’ospedale di Montevarchi, per entrambi si parla di un ricovero in osservazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spettacolo ed emozioni al Miravalle per la prima finale. Lievi conseguenze dopo l'incidente tra piloti

ArezzoNotizie è in caricamento