rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Altri Sport

Titolo italiano under 20 di lotta greco romana: l'aretino Stopponi è medaglia di bronzo

Una semifinale combattuta ma amara lo costringe alla finale per il terzo posto, in cui batte l'avversario senza problemi

Lo scorso fine settimana si sono svolti al Pala Pellicone di Ostia Lido i campionati Italiani under 20 di lotta stile libero maschile e femminile e di lotta greco romana: presenti circa trecento atleti. Nella lotta greco romana la Chimera Arezzo ha schierato tre atleti: Francesco Stopponi, Tommaso De Palma e Hamza Khazri.

Nella categoria di peso fino a 60 kg, una delle più difficili per il valore dei partecipanti, gareggiano Francesco e Tommaso. Ironia della sorte, l’incontro di qualificazione mette di fronte i due aretini con Stopponi che ha la meglio per superiorità tecnica (8-0). Ai quarti è il romano Bufacchi delle Fiamme Oro a provare ad interrompere il cammino dell’aretino, invano però, Francesco con determinazione impone la sua lotta e ha la meglio (9-0) in poco più di un minuto. In semifinale è la volta del bresciano Pucher. L’incontro è al cardiopalma, un continuo avvicendarsi di attacchi e difese da parte dei due lottatori. È l’aretino che adotta una tattica di lotta all’attacco basata su ritmi molto alti che mettono in difficoltà l’avversario chiudendo il primo periodo in vantaggio. Il secondo è la fotocopia del primo, condotto magistralmente dall'atleta di Arezzo, con un’unica macchia a trentatré secondi dal termine, per un attimo cala la concentrazione e arriva l’attacco dell’avversario che passa in vantaggio. Il poco tempo che rimane è un susseguirsi di attacchi, di tentativi alla rimonta, ricerca di quel guizzo che faccia recuperare il distacco da parte dell’aretino, ed un continuo difendersi e non accettare il contatto e la lotta del bresciano. Un incontro bello e avvincente che termina in pareggio (6-6) ma che per regolamento, valore delle tecniche eseguite, dà la vittoria a Pucher. Il campioncino di piazza San Giusto vede sfumare l’obiettivo più importante, dovendo stravolgere i piani e ripiegando le sue attenzioni per il gradino più basso del podio. Per Stopponi il colpo è duro da assorbire e poco il tempo per ricaricare, ed è subito il suo turno; l’incontro di finale per il terzo posto vede l’atleta aretino davanti al reggino Asciutto. Francesco sembra aver ripreso la concentrazione e la determinazione che lo contraddistingue. Non da scampo all’avversario che deve soccombere (5-0) per atterramento. È medaglia di bronzo.

Rammarico invece per De Palma che dopo essere stato battuto dal compagno di squadra sperava in un ripescaggio che però non è avvenuto per la sconfitta di Francesco rimediata in semifinale. Tommaso si classifica decimo.

Nella categoria 82 kg Hamza è chiamato a difendere i colori della Chimera. Il sorteggio lo mette di fronte al faentino Orselli, atleta di tutto rispetto con buone capacità. L’incontro si chiude a favore del faentino (0-5)  per atterramento. Hamza si classifica dodicesimo.

Il tecnico Roberto Stopponi sintetizza così: "Siamo contenti per la medaglia di Francesco, un ragazzo che ormai da anni è una sicurezza, c’è il rammarico di aver potuto raccogliere il massimo della posta. Dobbiamo fare i conti con il fatto che gli avversari adottano una strategia di lotta con unico obiettivo quello di batterlo a qualsiasi costo. Per Tommaso dispiace perché sulla carta si potevano aprire altri scenari. Per Hamza siamo contenti non tanto dal punto del risultato quanto da quello umano: un che per amore di questo sport fa molti sacrifici e noi siamo contenti di poterlo aiutare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Titolo italiano under 20 di lotta greco romana: l'aretino Stopponi è medaglia di bronzo

ArezzoNotizie è in caricamento