rotate-mobile
Altri Sport

Niente cena degli auguri del Panathlon, ma donazioni a Caritas e All Stars

Il Panathlon Club Arezzo in questo Natale così particolare ha pensato anche ai più deboli e fragili

Nonostante la pandemia, il Panathlon Club Arezzo ha confermato la fattiva presenza nel contesto sociale della città, nel solco dei fondamentali valori del club legati alla promozione e la diffusione della cultura e dell'etica sportiva come strumento di formazione e di valorizzazione della persona e come veicolo di solidarietà tra gli uomini ed i popoli.

In  particolare l’allestimento dell’Albero di Natale dello sport aretino, promosso dal club e sposato con entusiasmo dall’assessore allo sport Scapecchi, patrocinato dal Comune  e sostenuto da CONI, Fraternita dei Laici e Museo Archeologico, ha visto una partecipazione di società ed associazioni ben oltre le più rosee aspettative. Moltissimo il materiale giunto per addobbare l’albero  e l’inaugurazione  fatta  il 12 dicembre, presieduta dal Sindaco, ha visto la nutrita partecipazione di soci e delle società sportive che , con vero entusiasmo, hanno aderito e ha avuto un  ampio risalto sui media locali. L’albero rimarrà sulla terrazza fino al 6 gennaio 2021.

Il Panathlon Club Arezzo in questo Natale così particolare ha pensato anche ai più deboli e fragili. L’importo di spesa previsto per la tradizionale serata degli Auguri, che a causa le normative contro la diffusione del Covid 19 , non è stato possibile organizzare, è stato devoluto in beneficenza. Una parte della cifra è stata utilizzata per acquistare derrate alimentari consegnate consegnato alla Caritas diocesana e serviranno per l’opera di assistenza alle famiglie bisognose e per le mensa serale di S. Domenico e per quella diurna di Piazza Giotto.

L’altra parte della cifra è stata invece utilizzata per l’acquisto di un gazebo da donare alla All Stars  Arezzo Onlus, che si occupa di sport per ragazzi disabili;  il gazebo sarà consegnato a primavera e servirà per le attività all’aperto dei ragazzi.

Il Panathlon Club Arezzo si era già reso promotore di iniziative di beneficienza anche nella prima fase della pandemia destinando le risorse delle conviviali in acquisto di dispositivi sanitari e di protezione per gli operatori dell’Ospedale San Donato e a sostegno della raccolta fondi per  emergenza alimentare durante il lockdown .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente cena degli auguri del Panathlon, ma donazioni a Caritas e All Stars

ArezzoNotizie è in caricamento