Africa Eco Race. Qualche inghippo nella settima tappa per Rossi e Marcon

Stamattina erano partiti con ben 400 litri a bordo, e quando alla fine della speciale mancavano almeno cinquanta chilometri sono rimasti a secco

Dopo tante soddisfazioni arriva una giornata meno positiva per Stefano Rossi e Alberto Marcon. Quando arrivano al bivacco di Aidzidine non hanno il solito sorriso stampato sui loro visi e anzi, sono ombrosi e pensierosi. E' facile capire al volo che qualche cosa non è andata bene, eppure la loro Nissan è tutta intera e il motore gira allegramente, quindi non si tratta di problemi tecnici e loro fisicamente stanno bene.

“Siamo rimasti senza benzina – racconta Rossi – e davvero siamo sconcertati. Non ci era mai successo prima”. Le facce pensierose in effetti, sono dedicate proprio a quanto accaduto perchè non se lo riescono a spiegare. Stamattina erano partiti con ben 400 litri a bordo, e quando alla fine della speciale mancavano almeno cinquanta chilometri sono rimasti a secco. Cercano di capire che cosa sia successo: “Se calcoliamo che la speciale era lunga 473 chilometri e che noi avevamo a bordo 400 litri di benzina, significa che abbiamo fatto circa un chilometro e mezzo con un litro e sinceramente faccio fatica a crederlo – ammette il copilota Alberto Marcon – perchè fino ad oggi il massimo dei nostri consumi non aveva superato i due chilometri. E' vero – cerca di giustificare – c'era vento contrario, ma non è un motivo sufficiente per consumare così. Posso anche ammettere che siamo andati veloci nel primo tratto di speciale, perchè siamo partiti da una buona posizione e il fondo era adatto al nostro mezzo, ma ugualmente non si spiegano i consumi”.

Restare senza benzina in prova speciale non è mai una bella cosa, perchè devi contare sull'aiuto di un altro concorrente, che magari ne abbia abbastanza da dartene un po', ma il loro Nissan Patrol è a benzina e quindi la ricerca è ovviamente più complicata. L'unico modo per recuperarla è stato uscire dalla prova e andare a cercare un distributore, ma anche in quel caso non è facile perchè le pompe di benzina in Mauritania vendono gasolio e non benzina. Per fortuna sono riusciti a trovare un unico distributore che ne avesse e hanno fatto il pieno, rientrando subito dopo in speciale. Così facendo però hanno ovviamente dovuto lasciare la strada indicata sul road book e pur riprendendola dopo il rifornimento, hanno mancato tre waypoints che valgono 15 minuti ciascuno.

“Siamo dispiaciuti perchè anche se eravamo indietro in classifica in questi giorni avevamo guadagnato diverse posizioni e pur non sperando in un podio stavamo cercando di risalire la classifica. Con questo fatto invece precipitiamo di nuovo e non so se nei prossimi giorni riusciremo a recuperare".

Già, i prossimi giorni, che si prevedono uno peggio dell'altro: domani per esempio, l'ottava tappa dell'Africa Eco Race 2020 porterà la carovana del rally da Aidzidine alla famosa Tidjikja. Questo nome suscita molti ricordi negli appassionati di Africa e di Dakar perchè il paesino mauritano è stato per anni sede di arrivo di una tappa fra le più complicate di tutta la competizione. Non si sa bene quindi, che cosa aspetta i piloti domani, visto anche che si tratterà di una speciale totalmente inedita. 450,83 i chilometri complessivi da percorrere con una ps da 429 non particolarmente sabbiosa, ma ancora un po' sassosa e ricca di fuoripista. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buoni postali fruttiferi, risparmiatore ottiene 9mila euro in più di interessi. Il caso spiegato dall'avvocato Bufalini

  • Trovato morto sotto la doccia

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Fa il pieno ma non riesce a pagare con la carta. Dice al benzinaio: "Stai sereno", poi scappa

  • Resta chiuso l'America Graffiti. Lavoratori in ansia

  • Da Arezzo al Grande Fratello: Jacopo Poponcini nella casa più spiata d’Italia

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento