Sport

Addio all’ex presidente Narciso Terziani, mondo amaranto in lutto

È morto Narciso Terziani, aveva 79 anni. È stato il presidente con la bacheca più ricca di trionfi nella storia dell'Arezzo.  Terziani da 10 giorni si trovava all’ospedale San Donato di Arezzo, domenica si è aggravato ed è deceduto oggi alle 20,05...

42B4F3E5-B98B-463F-BB1D-DF6C593CEE8D

È morto Narciso Terziani, aveva 79 anni. È stato il presidente con la bacheca più ricca di trionfi nella storia dell'Arezzo. Terziani da 10 giorni si trovava all'ospedale San Donato di Arezzo, domenica si è aggravato ed è deceduto oggi alle 20,05.

Assunse la guida amaranto nel 1979, la sua presidenza verrà ricordata per i successi con Antonio Valentin Angelillo in panchina: la conquista della Coppa Italia 1981/1982 e la vittoria del campionato di Serie C1 con la promozione tra i cadetti. Il funerale sarà celebrato domani alle 10 nella chiesa di Pieve a Maiano.

Il ricordo di Stefano Turchi

"Abbiamo saputo alcuni giorni fa che Narciso aveva accusato un problema di salute - racconta Stefano Turchi, presidente del Museo Amaranto - da dieci giorni era ricoverato all'ospedale San Donato. Via via sono andato a trovarlo. Domenica scorsa ero insieme a Menchino Neri ma il presidente aveva già problemi per parlare, si era aggravato. Stasera purtroppo è arrivata questa brutta notizia".

Stefano Turchi aveva coinvolto nel recente passato Terziani in alcune serate in cui le vecchue glorie del Cavallino erano tornate sul palco per scopi benefici e non solo.

"Narciso Terziani per me resterà il presidente più vittorioso nella storia dell'Arezzo - confessa Stefano - ha rilevato l'Arezzo sull'orlo del fallimento e l'ha portata non in salvo ma in B vincendo la Coppa Italia di Serie C nel 1981 e sfiorando la promozione in A. A lui erano legatissimi Menchino Neri, Mangoni, Butti, Pellicanò, i tifosi aretini...è stato un presidente che si è fatto voler bene ed ha voluto bene all'Arezzo. Pensa che nel 1993 dopo il fallimento del Cavallino i tifosi gli inviarono alcune lettere affinché rilevasse l'Arezzo. Mi confessò tempo fa che le conservava ancora".

Per la seconda volta il 2018 dell'Arezzo viene listato a lutto. Il 5 gennaio se ne era andato Angelillo, l'allenatore che portò in alto l'Arezzo di Terziani. "Non era un mister, era la guida, un amico e il confessore in alcuni momenti di quel gruppo" disse Terziani a gennaio ricordando il mister. Oggi quel gruppo ha visto andarsene il padre, il presidente più vittoriosi nella storia dell'Arezzo.

Il dolore di Butti e Pellicanò

"Mi portò lui ad Arezzo, arrivai che ero un ragazzo - racconta Stefano Butti - non è stato un presidente, ma quello con la P maiuscola. E' stato un padre per noi. Non eravamo i suoi giocatori ma i suoi ragazzi". Parole che fanno eco a quelle di Pino Pellicanò. "A distanza di anni parlava di noi come dei suoi ragazzi. Un padre per molti di noi - racconta Pino - ricordo che fu lui a convincermi di restare ad Arezzo nonostante alcune richieste perché avrebbe costruito una squadra importante".

Immagine tratta dalla pagina Facebook del Museo amaranto

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio all’ex presidente Narciso Terziani, mondo amaranto in lutto

ArezzoNotizie è in caricamento