Il giovane aretino che crea un'azienda di parquet con il legno di recupero in tempo di pandemia

Si chiama Leonardo Casini, l'impresa è la Lc Parquet e punta sul rispetto dell'ambiente. "E' un segmento di nicchia - spiega - spesso trascurato dalla grande industria, utilizzo legno recupero antico e di pregio"

Leonardo Casini

Nel settore legno e arredo, nonostante la pandemia in corso, c’è ancora spazio per la creatività e l'impresa. Un giovane valdarnese, Leonardo Casini imprenditore di 28 anni, ha recentemente deciso di intraprendere un’attività in proprio con l’azienda Lc Parquet di Castelfranco Piandiscò. Un'avventura imprenditoriale sui cui interviene Cna Arezzo, attraverso Maurizio Vecchio, presidente del settore Legno Arredamento dell'associazione di categoria, che ha appena incontrato Casini. “Il colloquio – spiega Maurizio Vecchio - è stata un’opportunità per confrontarsi nella professione e nella vita associativa, scambiarsi i segreti del mestiere e dare qualche consiglio utile. Con questo progetto Cna testimonia l'importanza e il valore della varietà delle competenze e delle tradizioni che accompagnano da generazioni il saper fare artigiano”.

Il settore Legno e Arredamento conta in provincia di Arezzo 531 imprese (-4% rispetto al 2019) ed un totale di 2.941 addetti (-8% rispetto al 2019). Già da un precedente studio commissionato da Cna Toscana era emerso che il settore era indirizzato verso una lenta ma progressiva diminuzione per l’insufficienza del ricambio generazionale. "E’ un lavoro insomma - dicono da Cna - che non attira i giovani. Attualmente la maggior parte degli imprenditori (48,8%) ha un’età compresa tra i 50 ed i 69 anni; ecco perché la continuità aziendale e la formazione ed inserimento in azienda dei giovani sono ovviamente fondamentali per evitare il processo di assottigliamento del settore con conseguente dispersione di know-how artigianale. La filiera del legno-arredo è ampia e articolata, comprende tutte le attività che permettono il passaggio dalla materia prima, il legno appunto, al prodotto finito, nelle sue diverse forme, da quelle più semplici fino ai prodotti di design".

Maurizio Vecchio-3

Maurizio Vecchio

La pandemia ha colpito duramente anche questo settore. Per l’Italia, è stata stimata una perdita di fatturato dell’intero sistema legno-arredo del 20%, pari cioè a circa 8 miliardi di euro. Per reagire alla crisi le imprese dovranno rivedere le proprie strategie, puntando al consolidamento e all’apertura al mercato dei capitali, superando così le loro debolezze strutturali. I prodotti del futuro - aggiunge Cna - dovranno essere eco-friendly, tailor made e multifunzionali. Le aziende dovranno caratterizzarsi per creatività e studio dei materiali, attenzione alla sostenibilità, digitalizzazione dei processi produttivi e commerciali e investimenti in formazione e capitale umano. Ed è proprio in questa ottica che nasce Lc Parquet. “Ho deciso di impegnarmi in questo settore - spiega Leonardo Casini - scegliendo un segmento di nicchia, spesso trascurato dalla grande industria, e cioè quello della produzione di parquet per il 90% di recupero e dove si utilizzano legni antichi e di pregio. Fin da piccolo ho respirato l’odore del legno e toccato questa materia prima, infatti l’azienda di famiglia lavorava nel settore dei mobili in arte povera, ma negli ultimi tempi le difficoltà erano aumentate. Accade così che, invece di disperdere definitivamente questo patrimonio, ho deciso, di avviare la mia impresa puntando sul rispetto dell’ambiente, mantenendo la tradizione artigiana in un’ottica innovativa”.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Imprenditori e pandemia, Ricciarini (Streetfood) acquista La Casina di Chiani

  • "Open - Il Tarì", prima fiera orafa in presenza per Graziella&Braccialini

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento