Il ragazzo che stampa 3D pezzi introvabili o fuori produzione: "Do nuova vita agli oggetti, così non si buttano"

A lanciarsi nell'iniziativa è un giovane imprenditore della provincia di Arezzo, basandosi sulla sua grande passione per la stampa 3D. Alessio Bigini, 22enne di San Giovanni Valdarno, ha aperto la sua attività dopo il diploma

Alessio Bigini

Un progetto innovativo per favorire il recupero di vecchi strumenti e di oggetti usati, che magari sono rotti e la cui parte mancante è finita fuori produzione. A lanciarsi nell'iniziativa è un giovane imprenditore della provincia di Arezzo, basandosi sulla sua grande passione per la stampa 3D. Alessio Bigini, 22enne di San Giovanni Valdarno, ha aperto la sua attività dopo il diploma, collaborando con numerose aziende per la prototipazione rapida grazie ai suoi macchinari. Oltre che per un seguito blog di settore, era salito agli onori delle cronache (nel corso della prima ondata della pandemia) per aver realizzato gratis - grazie alla sua startup Maker House Medical -  le valvole per trasformare le maschere da snorkeling di Decathlon in respiratori Cpap (Continuous Positive Airway Pressure, ovvero Pressione Positiva Continua delle vie aeree) contribuendo così al progetto dell'azienda bresciana Isinnova che ha salvato vite negli ospedali.

4-2-8

E adesso Alessio si sta dedicato a Replicami.it, nuova startup che si focalizza sulla replicazione tramite stampa 3D di qualsiasi tipo di oggetto. "Cerco di contribuire così ad un'economia circolare basata sul riutilizzo e sul riciclo", mettendo a frutto le grandi potenzialità delle sue 35 stampanti tridimensionali.

"L'idea - racconta - è nata perché vedevo che c'era un certo interesse per articoli quali componenti introvabili di oggetti collezionabili o pezzi fuori produzione di elettrodomestici. Grazie alle mie stampanti, mi sono detto, posso ricrearli. In vari materiali. E così è nata Replicami. Ovviamente cerco di tenere i prezzi bassi e le consegne gratuite, altrimenti non ci sarebbe mercato. Ma in breve ho riscontrato grande attenzione con richieste di ingranaggi, manopole, pezzi di ricambio di auto e moto d'epoca. Mi faccio inviare il pezzo originale, anche se rotto, e provo a costruirne uno nuovo con lo scanner 3D. Si stanno appoggiando a noi aziende per pezzi di ricambi e ora anche i privati".

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Scoperta scientifica contro l’invecchiamento: una castiglionese ha guidato il team dell'Università della California

  • Aboca, arriva una nuova certificazione di qualità per le coltivazioni bio di Toscana e Umbria

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento