Le Vertighe: la storia del santuario e dell'immagine di Maria, patrona dell'autostrada

Le leggenda parla di una traslazione miracolosa nel 1100, ma già anni prima la chiesa era esistente e l'immagine venerata

Chi è rimasto in città e non solo per i credenti, il 15 di agosto è immancabile l'appuntamento con la festa de Le Vertighe. Il piccolo centro abitato alle porte di Monte San Savino è al centro di una serie di festeggiamenti, tra sacro e profano, attorno al santuario - il più antico santuario mariano della diocesi - che oggi è affidato alla Fraternità Francescana di Betania.
Ma qual è la storia di questo luogo?

La leggenda della traslazione

Secondo la leggenda la cappella dedicata a Santa Maria in origine non era sul colle de Le Vertighe ma a Caggiolo di Asciano, su un appezzamento di terra di un ricco signore del posto. Era il 1100 quando dopo la morte dell'uomo i figli iniziarono a contendersi le proprietà del genitore. Una cospicua eredità che comprendeva anche la cappella per la quale sarebbe stati pronti a battersi. Alcuni angeli vennero quindi inviati a Caggiolo per spostare la cappella a Le Vertighe, dando quindi un segnale ai fratelli affinchè non spargessero il proprio sangue.

Le origini storiche

A dire il vero della chiesa dedicata a Santa Maria se ne parla già nel 1073. Originariamente la devozione popolare era rivolta a una immagine della cappella raffigurante l'assunzione, poi passò all'immagine, dipinta da Margarito e Ristoro, della Madonna seduta in trono col Bambino sulle ginocchia. L'attuale chiesa a tre navate, che contiene la cappella e l'immagine, risale al 1503. Il santuario con annesso monastero era affidato alle cure dei monaci camaldolesi fino al 1809. Subentrarono poi i francescani e solo rencentemente la  Fraternità Francescana di Betania. Ad ogni modo nei secoli i vescovi aretini si recarono spesso in pellegrinaggio in Valdichiana sapendo della venerazione dei savinesi e non solo che si rivolgevano alla Madonna per avere una campagna fertile e salute.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Santa Maria de Le Vertighe patrona dell'autostrada

Nel 1964 la Madonna delle Vertighe è stata proclamata patrona dell'autostrada del sole e anche per questo è meta di ininterrotti pellegrinaggi provenienti da ogni parte d'Italia. Ogni anno il 15 agosto i festeggiamenti giungono al termine di una settimana ricca di eventi con la processione fino al casello autostradale per la consueta benedizione. La sera poi i classici fuochi d'artificio che illuminano quello spicchio della Valdichiana unendo la devozione di gran parte del popolo aretino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Coronavirus, sei nuovi casi nell'Aretino. Contagiati 19enni di ritorno da una vacanza all'estero

  • I 15 borghi fantasma della Toscana che dovreste visitare

  • Muore in moto a 51 anni: dramma alle porte della provincia di Arezzo. Era in viaggio col figlio

  • Pioggia di bonus in arrivo: sconti sulle cene al ristorante, scarpe, vestiti e arredi

  • Miss Toscana a 17 anni, il teatro Petrarca, gli affetti. Anna Safroncik: "Vi racconto la mia Arezzo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento