menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Al via il restauro del monumento funebre di Francesco Roselli nella basilica di San Francesco 

L'intervento è realizzato grazie al contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze 

Al via l'intervento di restauro del Monumento Funebre di Francesco Roselli, una delle più importanti opere d’arte conservate nella Basilica di San Francesco di Arezzo. Tutta l'operazione, il cui progetto è stato redatto dalle restauratrici Giulia Basilissi e Rossella Cavigli della Direzione regionale musei della Toscana, viene realizzato grazie al contributo della Fondazione CR Firenze concesso alla Direzione regionale musei della Toscana. Il finanziamento è stato erogato nell’ambito dei bandi della Fondazione a sostegno dei beni culturali, avvalendosi dell' Art bonus, lo strumento che dal 2014 facilita il mecenatismo dei privati a favore del patrimonio culturale, attraverso l’introduzione di un credito d'imposta per le erogazioni liberali in denaro a sostegno dei luoghi della cultura e dello spettacolo di appartenenza pubblica.

Il monumento funebre, dedicato a Francesco Roselli, insigne giurista aretino, è modellato in terracotta e campeggia sulla parete di fondo della Cappella di Pagno di Maffeo, l’ultima sul fianco sinistro della navata. Di proporzioni imponenti, è opera di Michele di Niccolò Dini, detto Michele da Firenze (1385 ca. - 1455 ca.), grande scultore e plastico dell’inizio Rinascimento. All'interno di un complesso impianto architettonico, la figura del defunto, riccamente vestita, giace al di sopra di un sarcofago - il cui fronte reca medaglioni con ritratti di giuristi e membri della famiglia. Sullo sfondo, tinto in azzurro, è raffigurata la Crocifissione, con le figure dei dolenti ritratte con grande realismo.

Il progetto di restauro, è finalizzato a intervenire sui principali fenomeni di degrado che caratterizzano il monumento – il cui ultimo restauro risale ormai al 1994 – rimuovendo dalle superfici i depositi di polvere incoerenti, verificando le condizioni di stabilità del manufatto e consolidandolo ove necessario. Con l'occasione si valuterà anche la possibilità di migliorare l’aspetto estetico dell’opera, intervenendo sulle integrazioni pregresse.

Il cantiere di restauro, curato dalla restauratrice incaricata, Silvia Gualandi, riveste un valore particolarmente importante nel quadro della ripartenza generale dei siti museali al termine del lockdown che ha paralizzato per due mesi l’intera Nazione. Si riparte, ma naturalmente in sicurezza, secondo un rigido protocollo di regolamentazione del cantiere formulato sulla base del COVID-19 Protocollo condiviso per il contrasto e il contenimento della diffusione. Linee guida per il settore edile del 24 aprile 2020, nel rispetto del decreto del presidende del consiglio dei ministri del 26 aprile 2020 e del Decreto del 4 maggio del Ministro dello Sviluppo Economico, che ha inserito le attività di restauro e conservazione di opere d’arte nel novero di quelle autorizzate a riprendere ad operare dal 4 maggio 2020.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Coronavirus, altri 76 contagi nell'Aretino e 29 persone guarite

social

'Che sarà', il brano ispirato a Cortona che arrivò secondo a Sanremo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Gossip Style

    Le borse più belle del 2021

  • Cucina

    La ricetta dei waffles

  • Psicodialogando

    I 4 motivi che spingono una donna verso l'uomo di potere

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento