Sabato, 12 Giugno 2021
social

Spider-Man, Thor e Capitan America, supereroi "agli ordini" di un aretino. Nicola guida i fumetti Marvel

“Da un grande potere derivano grandi responsabilità". Lo sa bene Peter Parker-Spiderman, in bilico tra atti eroici ed enormi sacrifici. Lo sa ancor meglio il suo "datore di lavoro" in Italia, Nicola Peruzzi: è lui il coordinatore italiano della sezione Comics di Panini

"Da un grande potere derivano grandi responsabilità". Lo sa bene il giovane Peter Parker che, tolti gli occhiali da vista, diventa Spider-Man, in bilico tra atti eroici ed enormi sacrifici. Lo sa ancor meglio il suo "datore di lavoro" in Italia, Nicola Peruzzi: 40 anni, nato ad Arezzo, ma girovago per vocazione fumettistica. Ben prima dei tempi dell'Università (Scienze della Comunicazione a Perugia) rincorreva il sogno di lavorare nel mondo dell'entertainment: è da sempre appassionato di comics, giochi e videogame. E ce l'ha fatta. E' il coordinatore italiano della sezione Comics di Panini, multinazionale con base a Modena, dove Nicola abita ormai da nove anni.

"Ho lasciato Arezzo nel 1999 per portare avanti gli studi universitari. Dopo la laurea - racconta - ho sempre cercato di trovare impiego in quel mondo che mi affascinava, d'altronde gli avevo dedicato anche la tesi. Ho collaborato al festival Cartoombria, poi ho inziato a lavorare in case editrici. Mi sono spostato parecchio: sono tornato ad Arezzo, ho lavorato a Firenze, ho portato avanti anche un progetto all'estero, a Glasgow, in Scozia. Mi sono dovuto adattare, in questo periodo di gavetta, anche ad altri tipi di impieghi, lavorando ad esempio in un call center. La svolta è arrivata nel 2011".

Finalmente l'ingresso in Panini e il trasferimento a Modena.

"E' stato il coronamento di un percorso: all'inizio mi occupavo dei fumetti Dc Comics per la Germania, paese di cui Panini detiene i diritti per Batman e soci, poi sono passato a Marvel Italia: Spider-Man, Capitan America, Iron Man, Hulk, Thor, etc. Panini ha più di 50 anni, è una multinazionale gigantesca, ma parecchio legata al territorio di origine: a Modena - dove lavoro io - c'è la direzione, poi ci sono filiali sparse in tutto il mondo".

In Emilia, Nicola si è ben adattato ("Modena è una cittadina di provincia, poco caos, molto simile ad Arezzo"), ha una compagna e una bimba piccola. Non ha dimenticato Arezzo e torna quando può, "anche se adesso - spiega - con la bambina è un po' più complicato".

E il lavoro?

"C'è una routine quotidiana, il lavoro è pianificato nei dettagli. Quando sono entrato nel 2011, le uscite in Italia avevano una discrepanza rispetto alle originali americane di circa 9 mesi. Abbiamo dimezzato i tempi. E per tenere questo ritmo occorre che tutte le figure che coordino per ogni fumetto - traduttori, supervisori e letteristi (che si occupano dei testi nei balloon) - siano puntuali nella realizzazione dei loro compiti. Il flusso deve procedere rapidamente, per fortuna è ben oliato".

E' notizia recente che Panini ha trovato l'accordo con Dc Comics anche per l'Italia. Batman e Spider-Man si ritrovano sotto lo stesso tetto. Sarà un'altra grande sfida. "Certamente - aggiunge Nicola - le fasi iniziali, poi, sono quelle più complicate, ma sono anche esaltanti".

E si aggiungerà ulteriore lavoro a una sezione, quella dei fumetti Marvel targati Panini, che già conta circa 500 uscite l'anno, considerando spillati e cartonati.

Tra tutti i supereroi a cui Nicola "dà lavoro" ce n'è uno in particolare che lo affascina. "Spider-Man - conclude - senza dubbio. E' l'eroe più umano. Deve sempre mettere da parte qualcosa per salvare qualcun altro. E' l'uomo qualunque che si ritrova un potere enorme: sbaglia, cade, ma sa rialzarsi"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spider-Man, Thor e Capitan America, supereroi "agli ordini" di un aretino. Nicola guida i fumetti Marvel

ArezzoNotizie è in caricamento