I monumenti della provincia di Arezzo si tingono di rosa per sostenere l'Airc

Si tratta della campagna della Fondazione Airc per la ricerca sul cancro, per manifestare vicinanza alle donne colpite dal tumore al seno e sensibilizzare i cittadini sull’importanza della prevenzione e del sostegno alla ricerca oncologica

Monumenti della provincia di Arezzo illuminati di rosa per la prevenzione del tumore al seno.

Castiglion Fiorentino

Anche Castiglion Fiorentino aderisce alla Campagna Nastro Rosa 2020 per la diffusione della cultura della prevenzione e della lotta al carcinoma mammario. Questa sera, la Torre del Cassero, simbolo della Città, si tingerà di rosa. La campagna della Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro, per manifestare vicinanza alle donne colpite dal tumore al seno e sensibilizzare i cittadini sull’importanza della prevenzione e del sostegno alla ricerca oncologica.  Nel 2019 i nuovi casi di carcinomi della mammella stimati in italia sono stati 53.200. La sopravvivenza a 5 anni delle donne con tumore alla mammella è pari all’87%. “Quest’anno le campagne di prevenzione contro i tumori, e quindi anche questa, sono più importanti degli altri anni. A causa della pandemia sono stati rinviati molti controlli, con il  mese di ottobre è scattata l’ora dello screening al seno. La prevenzione è molto importante per contrastare la malattia sul nascere” dichiara l’assessore alle Politiche Sociali, Stefania Franceschini.

Bibbiena

Questa sera alle ore 18 la Torre dell’orologio di Piazza Tarlati verrà illuminata di rosa come gesto simbolico di lotta contro il tumore al seno lanciata dalla onlus Airc. Il Comune di Bibbiena ha aderito alla campagna promossa da Airc e Anci per cercare di sostenere la ricerca contro questa neoplasia che ogni anno colpisce una donna su 9.

Dottoressa Cornelia Laino Mori Presidente del Comitato toscano dell’Airc: “La campagna inizia oggi ma sarà operativa per tutto il mese di ottobre. I gesti come quello a cui partecipa generosamente anche il Comune di Bibbiena sono fondamentali per un motivo: la ricerca ha bisogno di essere sostenuta. Grazie a questa abbiamo raggiunto a livello nazionale risultati importanti poiché dall’81 all’87% delle donne dopo cinque anni dalla diagnosi di tumore al seno riescono a venire fuori dal tunnel. Ma a noi non basta assolutamente, vogliamo al il restante 13% che rappresentiamo con il nastro rosa spezzato. Vogliamo e dobbiamo trovare una cura efficace anche per il restante 13% delle donne colpite e possiamo farlo solo sostenendo di continuo la ricerca. Airc ha investito 42 milioni di euro grazie a queste campagne che facciamo a più riprese durante l’anno. Sosteniamo la migliore ricerca con 537 progetti attivi. Per la Toscana in particolare abbiamo investito 4 milioni e 100 mila euro per 28 progetti di qualità. Ringrazio da parte di tutto il comitato il sindaco e gli amministratori del Comune di Bibbiena per la loro vicinanza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento