menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una foto de El Mighela [dalla pagina Fb EL MIGHELA]

Una foto de El Mighela [dalla pagina Fb EL MIGHELA]

'El Mighela' ovvero il Merigo di Arezzo

Si vantava di aver bevuto nella sua vita, conti alla mano, quasi cinque autocisterne di vino

Per tutti era "El Mighela", un quaratino che - stando ai ricordi di chi oggi ha in testa qualche capello bianco - era assai difficile trovare sobrio per le vie di Arezzo. Con la sua bici, ma tante ne ha dovute ricomprare o rintracciare visti i furti perpetrati ai suoi danni, era solito partire da Quarata, dalla zona di Montione e raggiungere il centro della città. Lungo il suo percorso, come ricorda Giorgio Ciofini ne 'Il can de Betto', effettuava una sorta di via Crucis. Ogni bar, ogni cantina o luogo dove c'era la possibilità di bere un po' di vino significava una fermata.

L'inventore di Arezzo, lo scienziato Bonicioli

Celebre la sua frase che conti alla mano si vantava di aver bevuto nella sua vita quasi cinque autocisterne di vino. Difficile camminare dopo tante stazioni giornaliere e più difficile ancora andare in bici se qualche bricconcello si divertiva a sottrarla al legittimo proprietario. Una figura che ha caratterizzato Arezzo e che per i più giovani può essere paragonata a Merigo, il ciclista perennemente ubriaco, interpretato da Giorgio Panariello. Sempre vestito con una maglia azzurra a righe gialle. Normalmente Merigo trova qualcuno che tenta per scherzo di rubargli la bicicletta e poi lo accusa di aver dimenticato dove l'ha lasciata poiché sbronzo. Tra l'altro Panariello ha spiegato a suo tempo che Merigo è un personaggio realmente esistito, era il sacrestano della sua parrocchia.

Insomma El Mighela, come Merigo nel film 'Bagnomaria', era preso di mira con scherzi e battute per movimentare la quotidianità. E lui per tutta risposta provava a reagire con tentativi di aggressione e improperi, ma il tutto finiva con l'offerta di un altro bicchiere di vino. Altra frase famosa era il saluto che in tanti gli rivolgevano: "Mighela, chiudi la bocca sennò prendi l'aceto!".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Toscana zona gialla da quando? Gli scenari

Attualità

Covid a scuola: chiusi due asili nel comune di Arezzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento