Perchè lanciamo chicchi di riso agli sposi? Attezione: ogni tipo di riso ha il suo augurio

Le origini di una tradizione diffusa in quasi tutto il mondo, ma anche il linguaggio dei chicchi. Ogni tipologia di riso che lanciamo ha un augurio specifico per gli sposi

Alzi la mano chi non ha mai tirato dei chicchi di riso a dei novelli sposi, appena usciti dal municipio o dalla chiesa. Ma perchè facciamo questo rito, perchè lanciamo il riso agli sposi?

Origini della tradizione

E’ una tradizione radicata nel sud Italia, a Napoli in particolare si lancia il riso anche quando la sposa lascia in abito bianco la casa dei genitori. La tradizione, secondo gli esperti, risale addirittura all’antica Roma. L’unica differenza è che al tempo dei Cesari si usavano grano e avena come simbolo di fecondità, prosperità e fertilità che piovevano (letteralmente) sulla nuova coppia. Secondo altre versioni la leggenda del riso come augurio di proseprità nasce in Cina, da un Genio che sparse i suoi denti in un campo dopo una grande carestia, lasciando ai contadini il compito di innaffiarli e coltivarli per poi sfamarsi.

Il riso giusto

La tradizione partenopea non si limita a definire il riso come simbolo di prosperità, ma anzi approfondisce un vero e proprio linguaggio come riporta NapoliToday.

Il linguaggio dei chicci

•    Carnaroli: condivisione;

•    Roma: prosperità

•    Arborio: amore

•    Basmati: passione;

•    Integrale: sincerità

•    Colorato: allegria

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm in arrivo: regioni chiuse e nuova divisione per colori. Cosa cambia per la Toscana

  • Toscana ancora in zona gialla? Si decide. Nuovo Dpcm: massimo 2 ospiti non conviventi in casa

  • Saturimetro: come funziona e quali sono i migliori modelli da acquistare on line

  • Banda dell'Audi bianca, è caccia aperta: le segnalazioni e la foto virale che fa sperare nell'arresto. Ma è un'altra operazione

  • Arrivati i nuovi vaccini Covid: ecco chi può accedere e come prenotarsi. Arezzo al top per somministrazioni

  • "Pettorina finta e Glock in mano, così ho capito che non erano carabinieri". Il vocale che svela i trucchi della banda dell'Audi bianca

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento