Consigli per non far appannare gli occhiali con la mascherina

Gli occhiali che si appannano sono una fastidiosa conseguenza della necessità di indossare la mascherina. Ecco come evitare questo problema

Utilizzare la mascherina soprattutto per chi indossa un paio di occhiali può diventare una seccatura. Il vapore acqueo crea quella condensa che ha come risultato quello di far appannare le lenti. Il peggio è che alcuni per risolvere il problema tendono ad abbassare la mascherina sotto il naso, coprendo solo la bocca, ma in questo modo si espongono ad un possibile contagio non proteggendo le vie aeree. Anche se forse in pochi lo sanno, esistono delle soluzioni pratiche per ovviare a questo fastidio, e che permettono di indossare questo dispositivo di protezione individuale senza problemi. Le scopriamo in questo articolo.

Perchè gli occhiali si appannano

Quando si indossa la mascherina ci si copre sia il naso che il mento: in questo modo l'aria espirata viene diretta verso l’alto, dove entra in contatto con le lenti degli occhiali. Ecco allora che il vapore acqueo caldo si condensa sulla lente e su di essa forma l'appannamento attraverso delle piccolissime gioccioline. Risultato? Vedere bene con gli occhiali diventa un'impresa.

Come evitare di appannare gli occhiali

Alcuni chirurghi, in una guida pubblicata sul Royal College of Surgeons del Regno Unito, suggeriscono di lavare gli occhiali con acqua e sapone prima di indossare la mascherina, avendo cura di asciugarli all’aria o con un fazzoletto morbido prima di indossarli nuovamente. Sì, perchè questo gesto lascia sulle lenti degli occhiali una sottile pellicola di tensioattivo che permette alle molecole d’acqua di diffondersi uniformemente sulla superfici, prevenendone l’appannamento.

I consigli per non appannare le lenti

Di seguito, altri consigli pratici per evitare di far appannare le lenti.

- Inserire un fazzoletto di carta sotto la mascherina e posizionarlo tra bocca e naso: assorbirà il vapore acqueo;

- Indossare gli occhiali appoggiandoli sopra la mascherina, e non viceversa;

- Stringere bene la mascherina sul naso, per ridurre il passaggio dell’aria calda emessa dal respiro;

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento