menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quando il diavolo venne cacciato da Castel San Niccolò

Un borgo caratteristico del Casentino che cela sulle sue mura una delle leggende più suggestive dell'Aretino

Castel San Niccolò è un comune che conta poco più di 2.600 abitanti, noto per la biennale della pietra lavorata e per la cotivazione di abeti, ma anche per il suo paesaggio che offre la possiiblità di lunghe camminate nei boschi. Un borgo ricco di storia e come tanti altri del Casentino legato a leggende che si sono tramandate di generazione in generazione. La più celebre è quella che parla della costruzione del castello.

Quando venne scelta quella collina per erigere la fortificazione gli operai non immaginavano che avrebbero dovuto fare i conti con il diavolo in persona. Gli operai, i manovali, al servizio del signore di turno di giorno lavoravano senza sosta per erigere la torre e le mura, ma di notte il diavolo distruggeva tutto e così il mattino seguente i lavori ripartivano da zero.

Venne così chiamato un religioso per compiere un esorcismo. All'interno del cantiere venne così portata una reliquia che alcuni attribuiscono a San Nicola, altri a San Niccolò. Si trattava di un lembo della veste del santo che fu portata in processione. All'improvviso 'fu udito un grandissimo urlo frammisto ad un rumore immenso e orrendo e fu visto Satana in forma caprigna schiumante rabbia e sprigionante da tutto il suo essere fiamme sulfuree, scuotere furioso il macigno su cui sorge il castello. E tale fu la potenza delle fiamme e l'ira diabolica, che il macigno divenne molle come cera ed accoglie ancora l'impronta degli artigli di Satana'.

L'esorcismo produsse i suoi effetti. Il diavolo fu costretto a lasciare quel luogo e nella fuga, rabbioso come non mai, affondò una 'zampata' in un macigno, posto ad un'altezza tale che nessuna persona umana avrebbe potuto raggiungere. La dura pietra sembrò essere cera e lì è rimasta l'impronta di quell'artiglio ancora oggi visibile nel fianco del castello che guarda la vallata. Gli abitanti decisero allora di intitolare il castello al santo.Castel_San_Niccolo_Zampata_del_diavolo-2
Foto tratta da Lanostracommedia

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento