12 ottobre 1492. I 528 anni dalla morte di Piero della Francesca e il mistero della sua età

Ricorre oggi l'anniversario della morte del grande artista biturgense che si spense nella propria casa di Sansepolcro

Il 12 ottobre 1492, mentre Cristoforo Colombo scopriva l'America, Piero della Francesca si spegneva nella sua casa di Borgo San Sepolcro. Divino pittore, matematico, artista nonché personalità di spicco del Rinascimento italiano, Piero di Benedetto de' Franceschi, morì alla veneranda età (presumibilmente) di 86 anni. Il sublime artista biturgense è da sempre considerato il padre della prospettiva moderna nonché interprete di quel sentimento filosofico, intellettuale ed estetico tipico dell'Umanesimo. 

"La sua opera fece da cerniera tra la prospettiva geometrica brunelleschiana, la plasticità di Masaccio, la luce altissima che schiarisce le ombre e intride i colori di Beato Angelico e Domenico Veneziano, la descrizione precisa e attenta alla realtà dei fiamminghi. Altre caratteristiche fondamentali della sua espressione poetica sono la semplificazione geometrica sia delle composizioni che dei volumi, l'immobilità cerimoniale dei gesti, l'attenzione alla verità umana".

Autore di celeberrimi capolavori come gli affreschi della Storia Vera Croce, il Polittico della Madonna del Conforto, la Resurrezione, la Pala di Brera, la flagellazione e il battesimo di Cristo, la Madonna del Parto, l'annunciazione, il doppio ritratto dei duchi di Urbino; è uno degli artisti più ammirati, apprezzati e soprendenti di ogni tempo.

La data della sua nascita rimane ancora oggi avvolta da qualche incertezza visto che un incendio negli archivi comunali di Sansepolcro distrusse gli atti di nascita dell'antica anagrafe. Secondo Giorgio Vasari nelle Vite, Piero, che morì nel 1492, aveva 86 anni al momento della morte, che porterebbe la sua nascita al 1406 ma la notizia è inattendibile, perché i suoi genitori si sposarono solo nel 1413. Il Vasari spiega che, essendo suo padre morto prima che lui nascesse, egli fu conosciuto col matronimico invece del patronimico (sua madre era conosciuta come "la Francesca" in quanto maritata nei Franceschi, così come Lisa Gherardini del Giocondo veniva chiamata "la Gioconda").

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento