“Prendiamoci cura di ogni cuore” con Mission bambini

26-27 ottobre 2019 ad Arezzo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ArezzoNotizie

Volontari in piazza con le noci che “fanno bene al cuore” per salvare i bambini gravemente cardiopatici nati nei Paesi più poveri “Prendiamoci cura di ogni cuore”. È per dare voce a questo messaggio e contribuire a salvare la vita dei bambini cardiopatici che nascono nei Paesi più poveri del mondo che sabato 26 e domenica 27 ottobre i volontari della Fondazione Mission Bambini Onlus saranno in 50 piazze italiane per distribuire, a fronte di una donazione, le noci che “fanno bene al cuore”. L’iniziativa si svolgerà anche ad Arezzo presso l’atrio dell’Ospedale San Donato (via Pietro Nenni 20). Grazie ai fondi raccolti in quelle che per un fine settimana saranno le “piazze del cuore”, Mission Bambini potrà continuare a garantire ai piccoli cardiopatici l’assistenza medica di cui hanno bisogno attraverso l’organizzazione di missioni operatorie salva-vita. Scegliere le noci di Mission Bambini fa doppiamente bene al cuore, quello dei bambini che così potranno essere curati e quello di chi le acquisterà. Questo frutto è infatti ricco di Omega3 e Omega6 che aiutano a prevenire i coaguli sanguigni, a migliorare la circolazione, a mantenere bassa la pressione del sangue e a ridurre il rischio di patologie cardiovascolari. Per conoscere la piazza più vicina missionbambini.org. Si stima che ogni anno nel mondo nascano 1 milione di bambini affetti da malformazioni congenite al cuore. Di questi circa l’80% nasce in un Paese povero. Se però nei Paesi più avanzati le patologie vengono diagnosticate in fase prenatale e operate alla nascita, così non è dove invece mancano medici specializzati e ospedali adeguatamente attrezzati. In questi Paesi, dove anche ottenere una diagnosi corretta è un lusso, la metà dei bambini cardiopatici è destinata a non raggiungere il primo anno di vita, mentre chi sopravvive manifesta gravi problemi di crescita e di sviluppo psicosomatico. Per questi bambini l’unica speranza è rappresentata dalla solidarietà internazionale. Dal 2005 Fondazione Mission Bambini interviene salvando i piccoli malati di cuore in Asia, Africa ed est Europa. Porta dove è necessario personale medico e infermieristico volontario altamente specializzato in modo che possa curare i bambini sul posto e formare il personale locale oppure, quando nel paese di origine mancano le strutture, porta in Italia (o in Romania, se nati in est Europa) i bambini malati. Sostiene inoltre gli ospedali locali attraverso l’acquisto di attrezzature mediche e, quando necessario, copre i costi delle operazioni per le famiglie più povere. In oltre 14 anni Mission Bambini ha salvato 2.066 bambini cardiopatici attraverso operazioni di cardiochirurgia pediatrica, ha garantito visite e una diagnosi corretta ad oltre 16.000 bambini, ha coinvolto oltre 400 medici locali in attività di formazione gratuita. Attualmente la Fondazione è attiva con interventi di cura delle cardiopatie infantili in 7 Paesi: Cambogia, Eritrea, Myanmar, Romania, Uganda, Zambia e Zimbabwe. L’evento è realizzato grazie al sostegno di Noberasco. Per seguire il progetto di Mission Bambini per la cura delle cardiopatie infantili all’estero: #GivetheBeat. Fondazione Mission Bambini Onlus Mission Bambini è una Fondazione italiana nata nel 2000 per dare un aiuto concreto ai bambini poveri, ammalati, senza istruzione o che hanno subìto violenze fisiche o morali. La Fondazione è una ONLUS riconosciuta dalla legge e interviene in Italia negli ambiti Educazione 0-6 anni ed Educazione e lavoro, all’estero negli ambiti Salute ed Educazione. In diciannove anni di attività, Mission Bambini ha sostenuto 1.400.000 bambini finanziando oltre 1.600 progetti di aiuto in 75 Paesi. Il Bilancio della Fondazione è pubblico e certificato.

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento