rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
Politica

"Vergogniamoci tutti, si vergogni il gruppo dirigente del Pd". Tito Barbini chiede le dimissioni del regionale

"Che tristezza infinita. Il quadro che esce dal voto in Toscana è quello di una geografia politica nuova, un mondo sconvolto di cui non possediamo più le mappe, desolazione politica e culturale allo stato puro. La sinistra, tutta, è stata...

"Che tristezza infinita. Il quadro che esce dal voto in Toscana è quello di una geografia politica nuova, un mondo sconvolto di cui non possediamo più le mappe, desolazione politica e culturale allo stato puro. La sinistra, tutta, è stata pesantemente sconfitta. Abbiamo perso Siena, Pisa, Massa e prima ancora Arezzo, Grosseto, Pistoia, Livorno, Carrara e tanti altri centri, grandi e piccoli, della nostra regione." E' questa l'analisi nuda e cruda che stila Tito Barbini dopo i risultati elettorali e passa all'attacco:

"Dovremmo vergognarci tutti per aver consegnato la nostra Toscana alla destra salviniana e leghista, ma in primo luogo deve vergognarsi il gruppo dirigente del PD, quello regionale, che dovrebbe dimettersi immediatamente e quello nazionale che dovrebbe convocare un congresso per cambiare radicalmente, come chiede finalmente Zingaretti, uomini e politiche."

Dimissioni e congresso dopo le elezioni amministrative che in Italia hanno ridisegnato la geografia politica ed hanno cambiato colore alla Toscana. Secondo Barbini sarebbe stato più intelligente mettersi al tavolo con i 5Stelle, invece che sottostare al ricatto di Renzi:

"Mi viene da pensare che forse oggi il risultato sarebbe stato diverso se dopo la sonora sberla del 4 marzo il Pd avesse accettato di mettersi a un tavolo con i 5 stelle e dettare l?agenda di un nuovo governo. Invece si è accettato il ricatto di Renzi che, se pur dimissionario (persistente finzione), ha portato a compimento il suo disegno di distruzione del suo partito e della sinistra. Ha anticipato Martina andando in una trasmissione televisiva impedendo qualsiasi incontro e regalando cosi i 5 stelle a Salvini. Responsabilità storica di cui poco si è parlato.

Anche i fuoriusciti hanno delle responsabilità per Tito Barbini: "Anche Leu ha le sue responsabilità, una pattuglia politicamente sconfitta che dopo il 4 marzo ha scelto il silenzio e la divisione al suo interno balbettando confusamente. Adesso dobbiamo ricominciare da capo. Con umiltà. La crisi, non solo della sinistra italiana ed europea, ma della democrazia è troppo profonda per non imporci una riflessione collettiva di lungo periodo. Dico crisi anche della democrazia perché se siamo arrivati a questo risultato è anche perché non c?è più quel tessuto politico-sociale che i grandi partiti di massa offrivano un tempo al confronto, non ci sono più le sedi e i social sono, sempre più, diventati un noioso ammasso di sfoghi personali."

Non tutte le idee sono chiare, però: "Fra le cose che non so, c?è anche questa: come si fa a ricostruire una cultura e una pratica collettiva, un rapporto con l?altro, un senso di responsabilità comune, visto che non si possono reinventare i vecchi partiti e però non si può nemmeno fare a meno della funzione che essi assolvevano. Quello che so, tuttavia, è almeno questo: che il problema non si può eludere. Ce lo impone il fatto che viviamo un tempo di terribili cambiamenti, che stanno producendo e produrranno anche peggiori mutamenti nel nostro modo di vivere e di lavorare, nel crescere delle disuguaglianze e infine nella nostra appartenenza a un sistema di valori rispetto ai quali il nostro pensiero di sinistra è balbettante e incerto. Un tema su tutti: immigrazione e diritti umani. Di fronte a una sconfitta elettorale di questa portata andare a cercare le spiegazioni residuali è un'esercizio di scarsa utilità, bisogna avere coraggio."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Vergogniamoci tutti, si vergogni il gruppo dirigente del Pd". Tito Barbini chiede le dimissioni del regionale

ArezzoNotizie è in caricamento