Giovedì, 29 Luglio 2021
Politica

"Un'attività ispettiva per la Procura di Arezzo". Il senatore Giarrusso presenta un'interrogazione al Ministero

Mario Michele Giarrusso Portavoce M5S in Senato interviene su alcuni grandi inchieste della cronaca aretina. Di seguito il suo intervento. Due importanti processi, che riguardano aziende leader nel proprio settore come Eutelia e Chimet...

Tribunale-Vela

Mario Michele Giarrusso Portavoce M5S in Senato interviene su alcuni grandi inchieste della cronaca aretina.

Di seguito il suo intervento.

Due importanti processi, che riguardano aziende leader nel proprio settore come Eutelia e Chimet, sarebbero stati vanificati da troppi errori formali commessi durante l'iter investigativo. Questi procedimenti sono scaturiti da indagini portate avanti dalla Procura di Arezzo che però avrebbe commesso errori gravi, come il mancato inserimento delle intercettazioni telefoniche, che sono alla base dell'assoluzione dell'avvocato elvetico accusato di concorso in bancarotta nell'ambito dell'inchiesta di Eutelia, e del patron della Chimet.

Quindi sia nel "crac Eutelia" (società aretina specializzata in telecomunicazioni) sia nella vicenda relativa alla Chimet (azienda leader nel recupero e nell'affinazione dei metalli preziosi da rifiuti speciali pericolosi e non) si annidano "sviste" e "dimenticanze" che avrebbero ritardato l'esito dei processi.

Questi processi, avviati con gravi ritardi, sono di conseguenza a rischio prescrizione di reato per delle notifiche mai fatte e per delle intercettazioni non inserite nel fascicolo processuale.

Non meno grave è poi la situazione di un ex poliziotto in servizio presso la procura aretina che avrebbe ricevuto forti somme di denaro da alcuni imprenditori locali per "addomesticare" scottanti inchieste che erano, o sono, al vaglio dei magistrati.

Per questi motivi ritengo assolutamente necessario avviare, con urgenza, un'attività ispettiva presso la Procura di Arezzo, onde evitare che errori simili possano inficiare l'esito dell'imminente processo "Banca Etruria". Ecco perché, in data odierna, ho depositato un'interrogazione al Ministro della Giustizia al quale chiedo, non solo se sia a conoscenza di questi gravissimi avvenimenti, ma soprattutto se non ritenga opportuno attivare le procedure ispettive presso la Procura della Repubblica di Arezzo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Un'attività ispettiva per la Procura di Arezzo". Il senatore Giarrusso presenta un'interrogazione al Ministero

ArezzoNotizie è in caricamento