"Necessari chiarimenti da Tiemme su controlli e multe alle utenze deboli"

La richiesta di Scapecchi, delegato ai trasporti pubblici della Provincia di Arezzo ha chiesto dati e spiegazioni

Tanti casi, cosa succede? Federico Scapecchi di Forza Italia, delegato per la Provincia di Arezzo al trasporto pubblico locale, chiede a Tiemme dati e spiegazioni sugli episodi di multe ad utenti deboli, come anziani e minori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso degli ultimi mesi sono apparse sulla stampa locale alcune notizie riguardanti episodi, accaduti in Provincia di Arezzo, nei quali gli addetti ai controlli delle linee Tiemme hanno elevato sanzioni in circostanze particolari.
Mi riferisco, ad esempio, agli articoli che raccontano della signora anziana "colpevole" di aver timbrato un biglietto vecchio, del pensionato che si stava recando a rinnovare l'abbonamento scaduto da un giorno, dei possessori di titoli di viaggio validi e acquistati tramite canali telematici nei 5 minuti precedenti, degli studenti impossibilitati ad acquistare il biglietto a bordo per mancanza di disponibilità e successivamente multati nonostante le precedenti rassicurazioni dell'autista. Si tratta nella maggioranza dei casi di episodi aventi come protagonisti, loro malgrado, utenti "deboli".
Il rispetto delle regole non va messo mai in discussione, ma deve essere garantito con buonsenso e parità di trattamento verso tutta l'utenza.
Senza dubitare della professionalità del personale Tiemme e delle aziende da essa incaricate a svolgere il servizio di controllo, ritengo opportuno che la Provincia di Arezzo (tra le cui competenze figura ancora il trasporto pubblico locale - per il quale sono delegato - e tra le cui partecipazioni è ancora in essere una quota di L.F.I., a sua volta detentrice di quote di Tiemme) sia messa a conoscenza delle politiche e delle direttive impartite dall'azienda al personale incaricato dei controlli sui mezzi, e dei dati statistici sulle sanzioni elevate.
Per questi motivi ho dato mandato agli uffici della Provincia di inviare formale richiesta di informazioni a Tiemme, con l'unico scopo di fare chiarezza e di rispondere alle crescenti richieste dei cittadini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento