Mercoledì, 4 Agosto 2021
Politica

Tari, Palazzo: "Comuni esautorati dal metodo Arera. Arezzo riduce l’impatto e l’opposizione scappa”

La risposta di Simon Pietro Palazzo di Ora Ghinelli alla protesta provocatoria dell'opposizione in consiglio comunale che ha abbandonato l'aula per l'assenza del sindaco Ghinelli

Simon Pietro Palazzo, immagine archivio Arezzo Notizie

“Anche a nome degli altri capogruppo di maggioranza sono dovuto interventire sull’annosa questione dell’aumento della tariffa Tari.

Come avevamo già previsto nel mese di febbraio 2021, l’avvento dell’authority Arera nel calcolo della tariffa ha reso necessaria una profonda riflessione sul tema della gestione dei rifiuti nel Comune di Arezzo. Ben 26 passaggi per determinare una tariffa già potrebbero bastare a definire la complessità della questione e la relativa lontananza da quelle che sono le istanze dei cittadini.

L'aumento del 13% della tariffa non rispecchia un comune senso di soddisfazione per il servizio e possiamo sottolineare che il nuovo metodo di calcolo tariffario non tiene conto della virtuosità dei cittadini che risiedono nel nostro Ato, che è bene ricordare essere il più grande d’Italia, composto da 106 comuni racchiusi in territorio vasto che coinvolge oltre 3 provincie.

La volontà di bocciare la delibera di oggi era forte, non l’abbiamo fatto solo perché altrimenti, a causa della retroattività della stessa norma, avremmo visto imputare i canoni retroattivi nel corrente esercizio creando un aumento insostenibile.

Un Comune non può dentro questo meccanismo fare molto, possiamo solo iniziare a dire basta e lo abbiamo già fatto con l’atto di indirizzo di maggioranza poi risultato ampiamente gradito e seguito anche da altri Comuni.

Non riteniamo che questo Ato sia ottimale, inizieremo una fase di riflessione e azione politica con tutto il centrodestra aretino, coinvolgendo anche la Regione Toscana e i consiglieri regionali aretini eletti al fine di avviare tutte quelle iniziative che potranno portare a una modifica sostanziale dell’Ato e al relativo cambio di passo e magari del gestore del servizio, permettendo una razionalizzazione dei costi, un controllo più vicino e una revisione realistica delle voci di spesa.

La discussione odierna è stata però gravata dall’assenza della minoranza cittadina e maggioranza in Regione, che chiede sempre la presenza agli altri ma scappa quando deve prendere decisioni a favore dei cittadini come su tasse ormai non sostenibili.

Arera, responsabile nel concorrere a individuare il nuovo metodo di tariffazione e autorizzata dal Governo Gentiloni, l’Ato Toscana sud rifiuti nato con l’avallo politico del Pd, denotano l’ennesimo fallimento politico del partito e ratificano le sue gravi responsabilità”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tari, Palazzo: "Comuni esautorati dal metodo Arera. Arezzo riduce l’impatto e l’opposizione scappa”

ArezzoNotizie è in caricamento