menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sr 71. Forza Italia: "Servono interventi mirati per la messa in sicurezza"

La grande via di comunicazione, come noto, attraversa anche la provincia di Arezzo dalla Valdichiana fino al Casentino ed è una delle più trafficate di tutto il territorio

Una strada pericolosa e in pessimo stato di manutenzione. Sono queste le considerazioni di Giampaolo Giannelli, responsabile dipartimento lavori pubblici e trasporti Forza Italia Toscana, e di Claudia Amatucci, componente del coordinamento provinciale Forza Italia Arezzo, che hanno per soggetto la strada regionale 71 umbro casentinese romagnola. La grande via di comunicazione, come noto, attraversa anche la provincia di Arezzo dalla Valdichiana fino al Casentino ed è una delle più trafficate di tutto il territorio.

"Il tracciato attuale della umbro casentinese romagnola (la SR 71 come è conosciuta in Toscana) conserva le caratteristiche di quello originario, ad eccezione di qualche breve variante, costruita dopo gli anni settanta, per evitare l'attraversamento di alcuni centri abitati. Si tratta della strada istituita nel 1928 con partenza da Montefiascone e che in Toscana, dopo essere uscita dall'umbria, percorre la Valdichiana, tocca Cortona, Castiglion Fiorentinoo, e dopo Arezzo si dirige in Casentino. Le pochisisme modifiche al tracciato che si sono avute nel corso degli anni hanno portato purtroppo al mantenimento di condizioni di pericolo inconcepibili per i giorni nostri; è ora di cambiare decisamente il modo di intendere questa strada, che di fatto resta una delle più pericolose della Toscana, coi suoi 89 km che si snodano lungo molti centri abutati della provincia di Arezzo. Basti pensare - continuano i 2 esponenti azzurri - all'ultimo progetto di variante, datato 1 anno fa, previsto dalla Regione Toscana, in territorio cortonese, che di fatto non risolve assolutamente il traffico pesante su Terontola. Anche l'inizio del 2021, purtroppo, è stato caratetrizzato da incidenti di varia gravità lungo tutto il tratto della sr71 che percorre la provincia di arezzo - precisano Giannelli ed Amatucci - segno evidente che occorre agire in modo organico e strutturale e non come si è fatto finora con provvedimenti che hanno il sapore dell'improvvisazione. Occorre quindi - concludono Giannelli ed Amatucci - un piano specifico per questa strada, a partire dalla sistemazione di un manto stradale che in molti dei suoi 89 km è sicuramente da rivedere; ma certamente, questo, non basta. Sono ancora troppi i punti di attraversamento all'interno di centri abitati, il che favorisce il verificarsi di incidenti, anche gravi. Occorre  che la nuova Giunta regionale provveda al più presto a investire in modo importante su questa strada che resta molto trafficata e non può permettersi di avere ancora il tracciato di quasi un secolo fa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento