Servizi per l'infanzia: 8,7 milioni per il riaffidamento. Tanti: "Valorizziamo il sistema aretino"

"Sette educatori sono stati assunti lo scorso anno, sei invece saranno ingaggiati a breve e, è nostra volontà, continuare ad assumerne tanti quanti ne andranno in pensione fino alla fine del nostro mandato". Così l'assessore alle politiche...

asilo nido

"Sette educatori sono stati assunti lo scorso anno, sei invece saranno ingaggiati a breve e, è nostra volontà, continuare ad assumerne tanti quanti ne andranno in pensione fino alla fine del nostro mandato".

Così l'assessore alle politiche sociali Lucia Tanti ha esposto in consiglio comunale la delibera riguardante le modalità di gestione dei servizi per l'infanzia 2017/2020. Il 30 giugno, come evidenziato dall'amministrazione aretina stessa, scadrà l’affidamento al privato della gestione di tutti i servizi educativi e scolastici.

Sono in tutto 8.744.000 euro per l’espletamento della procedura di riaffidamento valida per gli anni scolastici 2017/2018, 2018/2019, 2019/2020.

"Al netto della flessione negli ultimi quattro anni dell’utenza potenziale e delle domande per l’accesso ai servizi e delle previste 6 assunzioni di nuovi educatori di servizi per l’infanzia - fanno sapere dal Comune di Arezzo - sufficienti a ricoprire i posti che si rendono vacanti nel 2017 a causa del pensionamento del personale, è stato individuato l’importo di 8.744.000 euro per l’espletamento della procedura di riaffidamento".

“Le assunzioni – ha precisato Lucia Tanti – rappresentano una staffetta generazione che ci permette di mantenere la qualità del servizio. La soddisfazione dell'utenza è molto alta, sia per la gestione diretta che per quella privata e questo per noi è un valore. Quattro filiere in un unico bando: nidi, materne, progetto di supporto ai bambini diversamente abili inseriti nelle scuole, operatori socio-scolastici per i quali è emersa la necessità di una riorganizzazione al fine di assicurare presenze quotidiane di personale preordinate a garantire la cura, l’igiene, il riordino degli ambienti e degli arredi, il supporto alle attività educative. L'investimento è importante, parliamo di oltre 8 milioni e mezzo di euro per una città di 100.000 abitanti dove è stato raggiunto il 100% del convenzionamento. Pensiamo a nuovi posti per il segmento lattanti per abbattere le liste di attesa nell'unico settore dove permangono e alla sperimentazione di un prolungamento degli orari per rispondere alle esigenze di genitori che svolgono lavori atipici. Non si rileva inoltre la necessità di procedere alla riapertura del nido Cedro, ricordo che le liste di attesa sono azzerate e che queste due strutture sarebbero rimaste vuote, e della sezione primavera, in virtù dei numeri delle iscrizioni che a loro volta derivano da un dato demografico, che è stata riconvertita a struttura di baby-sitteraggio qualificato che rimarrà al servizio delle famiglie in ambito educativo anche in futuro. Il sistema educativo di Arezzo chiude la sua fase di organizzazione e procede verso la sua stabilizzazione: prima perdeva pezzi, ricordo che due settimane dopo il nostro insediamento abbiamo dovuto affrontare un'emergenza organizzativa ereditata dal passato, adesso vede il 56% dei bambini frequentare le scuole gestite direttamente dal Comune”.

"La delibera approvata in Consiglio Comunale è la dimostrazione che sul sistema educativo di Arezzo la Giunta Ghinelli ha scommesso fin da subito e compiuto una vera rivoluzione a favore delle famiglie, dei bambini e del personale educativo - sostiene l'assessore Tanti - Alla delibera odierna siamo arrivati dopo due anni di lavoro serio, condiviso con famiglie e operatori del settore, ci abbiamo speso idee ed energie, a volte sottoposti a critiche strumentali. Ma era il periodo di tempo necessario per giungere a un’organizzazione stabile e duratura. Essa poggia su tre pilastri: il Comune che svolge il suo ruolo, lo dimostrano le 6 recenti assunzioni che sopperiscono a sopravvenute carenze di personale, che si aggiungono alle 7 già fatte nel 2016 e a quelle che faremo fino al termine del mandato per garantire il 100% di turn over, la gestione diretta di alcune strutture e di conseguenza il 56% dei bambini nelle scuole comunali a fronte del restante 44%. Il Comune che si apre alla società, lo dimostra il bando per i prossimi tre anni da 9 milioni di euro circa e, dunque, la volontà di condividere un patto educativo con il privato e il privato sociale. Il Comune che si pone garante del 100% del convenzionamento e della qualità complessiva del sistema. Adesso guardiamo avanti: il bando in questione consegnerà alla città un patto formativo, gestito da più soggetti, fino all’inizio del terzo decennio del nuovo millennio. È un risultato importante che abbiamo raggiunto assumendoci la responsabilità della sfida fin dal luglio di due anni fa".

Rilievi critici da parte di Claudia Maurizi e Francesco Romizi soprattutto sulla esternalizzazione del personale di supporto e sulla chiusura del Cedro. E senza dimenticare Matrignano. Federico Scapecchi e Roberto Bardelli hanno sottolineato che sono pochi gli argomenti per andare contro a questa delibera da parte delle opposizioni: “risultato ottimo che mette in sicurezza una grande tradizione”.

Secondo lo schema dei servizi per l'infanzia, i nidi a gestione diretta restano Cesti, Orciolaia, Peter Pan e Masaccio. Al Cesti e all’Orciolaia, agli educatori comunali si affiancheranno operatori socio-scolastici privati. I nidi a gestione privata sono Modesta Rossi, Aziendale, Bagnoro, Il Matto, Sitorni, Indicatore, Il Bastione, Cucciolo.

Le scuole comunali per l’infanzia sono Orciolaia, Don Milani e Sitorni, nella seconda e nella terza agli educatori comunali si affiancheranno operatori socio-scolastici privati. Le scuole per l’infanzia a gestione privata sono Pallanca e Acropoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La delibera ha ottenuto 17 voti favorevoli, 3 astenuti e 1 contrario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento