"La sede del Psi aretino sia un riferimento per l’intera sinistra"

I socialisti della zona Aretina rivendicano l’impegno nella difesa della sede in piazza Risorgimento. La proposta è di fare dei locali del Psi un riferimento per vita politica e sociale della comunità cittadina

Il Partito Socialista Italiano della zona Aretina rivendica l’impegno e la cura nel mantenimento della sua storica sede in piazza Risorgimento, proponendola ora come un luogo di incontro e di condivisione per l’intera area della sinistra cittadina. I socialisti ricordano con orgoglio la difesa di questo ambiente realizzato e mantenuto attraverso l’impegno dei loro iscritti, rimarcando una più virtuosa gestione rispetto ad alcuni grandi partiti che stanno trovando difficoltà a sostenere le loro sedi nonostante la presenza al loro interno di onorevoli, consiglieri regionali, sindaci ed altri amministratori pubblici.

Alla luce di tale situazione, il Psi aretino indica i propri spazi come un possibile futuro punto di riferimento per l’area politica della sinistra locale, a cui viene offerta l’opportunità di usufruire di uffici e di un’ampia sala per incontri e riunioni con numerosi partecipanti. L’obiettivo è infatti di fare della sede di piazza Risorgimento uno spazio di confronto per la promozione, per l’organizzazione e per il sostegno di iniziative, cittadini e associazioni impegnati politicamente verso il futuro dei giovani, la tutela dei diritti del lavoro, la solidarietà e, in generale, lo sviluppo della società. Il mantenimento di questo spazio è merito dell’impegno della più ampia Associazione Socialisti Aretini che, a lungo ben guidata da Alessandro Caporali e attualmente da Alessandro Giustini, riunisce un gruppo di cittadini animati dall’intento di difendere la storia e i valori di questo storico partito, attraverso la progettazione e la realizzazione di iniziative culturali, politiche e democratiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Pur non potendo godere dei lauti compensi di chi ricopre cariche pubbliche - commenta Giustini, segretario della zona Aretina del Psi, - noi stiamo difendendo con forza e con orgoglio la sede realizzata con il contributo, la serietà e l’impegno diretto dei compagni di ieri e di oggi, semplicemente facendo affidamento su tesseramenti, sottoscrizioni, iniziative e tanto lavoro personale e gratuito. Questo ha permesso di poter fare affidamento su un luogo che è oggi a disposizione di coloro che condividono questi valori e che sono intenzionati ad offrire stimoli culturali ed etici alla vita politica e sociale della nostra comunità, tenendo fede alla matrice riformista del socialismo italiano ed europeo in opposizione alle barbarie e all’individualismo estremo dell’attuale periodo storico».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

  • Comunali 2020: liste, candidati, sezioni e voti: tutte le preferenze espresse

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento