rotate-mobile
Politica

Nomina Scortecci, Pd: "Estra non è una giostra dove scendere e salire a piacimento"

L'attacco del Pd dopo che l'ex amministratore di Coingas è stato posto al vertice di Estra Energie

"Nel vecchio west, quando si parla di porte girevoli si intendevano quelle dei saloon, oggi invece sono sinonimo di seconde ed ingiustificate opportunità politiche. E di seconde carriere, lo specialista in Saracino Scortecci se ne dovrebbe intendere; ma quella di Estra non è una giostra, dove salire e scendere a piacimento, forse qualcuno se l’è scordato."

Il Pd aretino prende posizione e attacca nei giorni successivi alla nomina di Franco Scortecci in un nuovo ruolo, quello di presidente di Estra Energie, la società più importante della galassia Estra. Le parole sono di Filippo Gallo, vice coordinatore del Pd di Arezzo e del capogruppo Dem in consiglio comunale Donato Caporali.

"Registriamo la (ri)nomina di Franco Scortecci ad Estra Energie dopo il defenestramento da Coingas, nella più classica delle spartizioni su base fedeltà. Le poltrone sono “cosa loro”, sia mai qualcuno si offenda o provi a dire che magari avere un mandato industriale, oltre che politico, aiuterebbe tutta la cittadinanza a digerire meglio certi passaggi, a smussare spigoli storici molto dolorosi.

Ma qui siamo alla plastica dimostrazione che si cade sempre in piedi, basta essere amici di o con la giusta cerchia di frequentazioni, niente di più e niente di meno. Addirittura in questo caso, ci sono nomine di soci professionali importanti di esponenti in vista del centrodestra. Tutti bravi e brave ci mancherebbe, però ecco, un tantino di dubbio viene sui criteri di selezione della dirigenza delle aziende pubbliche (non private o di qualcuno, vale la pena ricordarlo). Lo spettacolo va avanti, in questa città tralasciata e abbandonata dalla maggioranza, senza più contatto con la realtà nelle periferie maleodoranti, cittadini campioni di salto delle buche, di dribbling di cantieri abbandonati o in ritardo clamoroso. Il dito e la luna qualche volta coincidono. La maggioranza che decide nomine è autoreferenziale ed è soprattutto aliena in città. I cittadini meritano rispetto, Arezzo merita di meglio."

Filippo Gallo, vice coordinatore PD Arezzo

Donato Caporali, Capogruppo PD Arezzo in Consiglio Comunale

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nomina Scortecci, Pd: "Estra non è una giostra dove scendere e salire a piacimento"

ArezzoNotizie è in caricamento