Sansepolcro, Guerrini: "Le mie spiegazioni sul voto sulla loggia massonica"

Guido Guerrini di Insieme Possiamo, a proposito del proprio voto sulla Mozione del Movimento Cinque Stelle sul convegno della Loggia “Alberto Mario”: Sono costretto a rubare tempo e spazio per ribadire quello che probabilmente non è stato ben...

guido-guerrini-sansepolcro

Guido Guerrini di Insieme Possiamo, a proposito del proprio voto sulla Mozione del Movimento Cinque Stelle sul convegno della Loggia “Alberto Mario”:

Sono costretto a rubare tempo e spazio per ribadire quello che probabilmente non è stato ben ascoltato durante la discussione in Consiglio Comunale sulla mozione proposta dal Movimento Cinque Stelle.

Nella campagna elettorale del 2006, quando il sottoscritto era candidato a Sindaco, in numerose occasioni pubbliche ho chiesto ai miei due avversari Polcri e Graziotti di dichiarare pubblicamente la presenza o meno di appartenenti a logge massoniche all’interno delle loro liste. Chiesi questo per il fatto che all’interno delle liste che mi sostenevano non c’era nessun appartenente alla massoneria mentre negli altri due schieramenti ce ne erano in abbondanza. Da tempi lontani mi sono sempre battuto perché i consiglieri comunali eletti, e magari anche i semplici candidati, dichiarassero tutte le associazioni di cui fanno parte, dalle logge massoniche ai Cavalieri del Santo Sepolcro fino alle cooperative, associazioni di volontariato, sportive, partiti, ecc..

Queste sono state le mie azioni “forti” negli anni che sono stato Consigliere Comunale e delle quali rispondo con assoluta coerenza. Oggi vengo accusato di mancanza di coraggio perché non ho votato una mozione che chiedeva una cosa che ritengo non giusta. Secondo la mia opinione chiunque inoltri regolare richiesta, paghi le spese previste dai regolamenti, metta sul tavolo tematiche che non vanno contro i principi costituzionali o le leggi di questo Paese e, soprattutto, si muova alla luce del sole, ha pieno diritto ad utilizzare le strutture e gli strumenti che i regolamenti comunali rendono possibile utilizzare. Non negherò l’utilizzo di una sala pubblica, con gli attuali regolamenti in vigore, ad una loggia massonica, come non negherò ad una forza politica l’uso di un campo da calcio comunale o una piazza e come non negherò ad una confessione religiosa l’uso di una strada pubblica per una processione. Cambierò opinione se la loggia massonica organizza un convegno a favore della tortura, se il partito politico propone l’abolizione della democrazia o se la religione organizzerà una processione pubblica a favore della segregazione razziale. In questi casi trovo giusto forzare qualsiasi regolamento in virtù del carattere non legale della manifestazione in essere.

Da quando esiste il convegno pubblico della Loggia “Alberto Mario” di Sansepolcro non ho mai sentito la necessità di partecipare all’evento, come non ho mai sentito il bisogno di impedire la loro attività, soprattutto se pubblica e alla luce del sole. Non mi risulta che in passato siano stati trattati temi che mettessero a rischio la stabilità del nostro Paese, favorissero speculazioni bancarie o qualunque azione che minasse la mia sensibilità. Arte, letteratura, risorgimento, religione, non sono tematiche che suscitano in me alcun tipo di ritegno.

Infine un sassolino dalla scarpa che devo inevitabilmente togliere. Curioso che la mozione nasca anche attraverso l’impegno politico nei Cinque Stelle di Mirco Giubilei, ex cordinatore di Viva Sansepolcro e quasi eletto consigliere (primo dei non eletti) durante l’amministrazione Polcri in una giunta dove di sei assessori ben quattro facevano parte di logge massoniche, dei quali almeno uno della lista civica. Questo dieci anni fa. Di solo cinque anni fa la giunta proposta dallo stesso Giubilei, allora candidato a Sindaco, dove figuravano almeno due esponenti di logge massoniche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Rispettando l’aziona politica dei grillini locali, e come già detto in Consiglio Comunale durante la discussione sul tema, ribadisco la mia disponibilità a modifiche regolamentari che possano rendere più trasparente e più discrezionale l’uso della sala consiliare, come sottolineo la mia immutata convinzione che ogni consigliere, assessore e sindaco debba rendere pubbliche tutte le associazioni, massoniche o di altra natura, di cui fanno parte con ruoli direttivi o di semplice iscritto. Catia Giorni essendo Presidente della Commissione Regolamenti ha piena possibilità di calendarizzare le modifiche nei tempi che ritiene più utili. Su queste tematiche Catia e i Cinque Stelle troveranno la mia completa collaborazione.

Quello che è scritto in questo comunicato non aggiunge nulla a quanto già dichiarato nel Consiglio Comunale dello scorso 19 settembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento