rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Politica San Giovanni Valdarno

San Giovanni Valdarno, atto di indirizzo unitario a sostegno della Ivv

Al termine del consiglio comunale aperto, i gruppi hanno prodotto un documento per richiedere alla Regione Toscana specifiche azioni per sostenere imprese e lavoratori dell’industria vetraria

Si è svolto ieri, martedì 19 aprile, il consiglio straordinario di San Giovanni Valdarno all’interno della sede dell’Ivv per discutere la difficile situazione che l’azienda valdarnese sta affrontando e sostenere la storica realtà del territorio. Circa due mesi fa infatti, per una scelta dei vertici legata all’esorbitante aumento dei costi energetici, l’azienda si è vista costretta a bloccare la produzione e spegnere i forni richiedendo la cassa integrazione per gli operai fino all’11 giugno.

All’assise di ieri hanno partecipato il sindaco di San Giovanni Valdarno Valentina Vadi, la giunta comunale, le forze di maggioranza e opposizione del comune, l’assessore all’economia e alle attività produttive Leonardo Marras, i vertici dell’azienda e i lavoratori. Al termine dell’incontro, i gruppi consiliari del comune di San Giovanni Valdarno hanno prodotto un atto di indirizzo a sostegno delle industrie vetrarie e in particolare della Ivv di San Giovanni Valdarno.

“Il documento – commenta il presidente del consiglio comunale Mauro Tempesta – ha visto ancora una volta una stretta collaborazione e unità di intenti di tutti i gruppi consiliari. L'impegno per richiedere un sostegno per l'Ivv e le aziende che come essa si trovano in una grave situazione industriale non si conclude con il consiglio di ieri ma prosegue e continuerà fino a quando non si avranno segnali concreti di ripresa e inversione di tendenza, quindi con una nuova stabilità. Tutto con l'obiettivo di restituire all'azienda, ai lavoratori e alle loro famiglie la possibilità di riprendere a programmare lo sviluppo, il lavoro e le proprie vite”.

Il consiglio comunale di San Giovanni Valdarno chiede quindi all’assessore Marras e alla struttura regionale tutta di attivarsi per

• sostenere con fondi statali e regionali e ammortizzatori sociali, le imprese e i lavoratori che stanno subendo le ripercussioni più gravi in particolare l’industria vetraria;

• concordare con l’Europa una nuova disciplina in materia di aiuti di stato a favore delle industrie energivore esposte alla concorrenza extra-Ue;

• sollecitare l’Unione Europea a determinare un tetto massimo di prezzo sul costo del gas e degli idrocarburi in genere;

• realizzare politiche regionali e statali volte a sostenere le esigenze di liquidità delle imprese a seguito degli adeguamenti dei prezzi e ad agevolare investimenti che rendano più ecosostenibili, più economici e meno energivori i processi produttivi;

• utilizzare i fondi Pnrr per una importante ripresa degli investimenti sulle energie rinnovabili, in particolare gli investimenti legati alla produzione dell’idrogeno, combustibile che avrebbe un impatto economico più  basso nell’impiantistica di molte industrie, rispetto al passaggio ai forni elettrici;

• utilizzare l’osservatorio dell’energia come strumento orientato anche alla consulenza delle aziende nel campo dell’efficientamento e della riconversione energetica;

• condividere con i comuni, tramite il contributo periodico e costante di IRPET, i nuovi scenari energetici, specialmente quelli connessi alle ricadute della transizione energetica per territorio e tipologia di impresa, con particolare riguardo a quello di San Giovanni Valdarno, in modo da poter anticipare azioni di sostegno ed una futura programmazione integrata

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Giovanni Valdarno, atto di indirizzo unitario a sostegno della Ivv

ArezzoNotizie è in caricamento