“La Regione istituisca una task-force di specialisti dedicata all’infanzia e all’adolescenza”

La segregazione ha effetti estremamente negativi per il benessere fisico, mentale e sociale di bambini e adolescenti

“È indispensabile pensare a una fase 2 anche per l’infanzia e l’adolescenza concordata con virologi, pedagogisti, pediatri e psicologi. L’isolamento dal mondo della scuola, dagli amici e dal tessuto sociale può causare danni irreparabili per bambini e ragazzi: dobbiamo individuare soluzioni diverse dal semplice isolamento domiciliare”. Ad affermarlo è Paolo Sarti, pediatra e consigliere regionale di Toscana a sinistra, che in una mozione sottoscritta insieme al capogruppo Tommaso Fattori ha chiesto alla Giunta di costituire una task-force specifica per il settore delle istituzioni educative, mettendo assieme le competenze di pedagogisti, psicologi dell’età evolutiva, pediatri, tecnici dell’apprendimento, esperti di politica scolastica, e ovviamente virologi.

“Finora le misure del governo non hanno tenuto in considerazione le necessità dei più giovani. L’isolamento prolungato rischia di comprometterne la salute e il benessere, dalle alterazioni del ritmo sonno-veglia alle scorrette abitudini alimentari, fino all’abuso di tecnologie”, hanno spiegato Sarti e Fattori. “Elaborare strategie per la fase 2 dell’infanzia e dell’adolescenza significa dare risposte adeguate ai bisogni di bambini, ragazzi e adolescenti, e anche a sostegno dei genitori e delle famiglie”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fare le mosse giuste vuol dire garantirci un futuro – precisa l’atto di indirizzo di Toscana a sinistra – poiché gli alunni sono circa 8 milioni, gli insegnanti poco meno di un milione, i genitori circa 11 milioni, cifre enormi che riguardano il nostro futuro perché le generazioni che oggi sono a scuola sono quelle che dovranno gestire il Paese.
“La segregazione ha effetti estremamente negativi per il benessere fisico, mentale e sociale di bambini e adolescenti – hanno aggiunto Sarti e Fattori – e la didattica a distanza, come ha spiegato anche la Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Toscana Camilla Bianchi, può essere soltanto una misura temporanea giustificata dall’emergenza, che pone serie problematiche in relazione alle differenti fasce d’età ed evidenzia disparità economiche e sociali”. “Inoltre – hanno concluso i consiglieri regionali di Toscana a sinistra – la chiusura prolungata delle scuole sta provocando disagi significativi alle famiglie che hanno dovuto completamente riorganizzarsi. Disagi che si accentueranno quando inizierà la fase 2 necessaria per far ripartire l’economia, perché molti genitori dovranno tornare al lavoro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • LIVE | Ralli porta Ghinelli al ballottaggio: "Contro un sindaco in carica, è già un successo"

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. I dati

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento