Riduzione dell'orario di guardia medica. Mugnai e Ripani: "In gioco c'è il bene di tutti gli utenti toscani"

L'intervento dei parlamentari in seguito all'ordinanza della Regione Toscana con la quale viene tolto il servizio di guardia medica dalle 24 fino alle 8 del mattino

"Restiamo stupefatti dalla decisione presa dal governatore toscano Eugenio Giani che con la ordinanza regionale 107 ha deciso togliere il servizio della guardia medica dopo le ore 24 fino alle 8 del mattino". A sottolinearlo sono i Stefano Mugnai, vice presidente del gruppo Forza Italia alla Camera dei Deputati e Elisabetta Ripani, parlamentare di Forza Italia. I due politici intervengono a seguito delle scelte adottate dalla Regione Toscana riguardanti il servizio di reperibilità medica. "Questa scelta - aggiungono - in questo momento di grave emergenza non ha senso alcuno. Infatti i dati nazionali dimostrano che nelle Regioni dove non funzionano i servizi territoriali strutturati il Covid produce più danni. Basta vedere purtroppo la nostra Toscana che si è ritrovata all'improvviso, in zona rossa, soprattutto per i contagi nelle rsa. E anche su questo fronte da tempo noi di Forza Italia abbiamo lanciato più volte un grido finalmente proponendo anche interventi migliorativi in questo  fondamentale servizio socio sanitario territoriale. Come sarà possibile frenare il virus o rendere i nostri ospedali ed i nostri pronto soccorso meno affollati se poi si adottano ordinanze che, come la 107, tagliano i servizi sul territorio? Si rendono conto il presidente Giani e l'assessore Bezzini, che un cittadino che ha bisogno di una risposta sanitaria, magari in orario notturno, non trovandola sul territorio, come accadrebbe con un servizio di guardia medica efficiente, non ha altre alternative se non quella di recarsi al pronto soccorso finendo quindi per ingolfarli? È così difficile capirlo? Pare proprio di sì leggendo l'ordinanza n.107. Ancora una volta, nonostante il drammatico momento di lotta contro la pandemia, anziché potenziare la sanità viene deliberatamente scelto di indebolirla, vedi caso della guardia medica ridotta nei fatti ad un servizio telefonico. Ci auguriamo che la suddetta ordinanza regionale venga subito ritirata, per il bene di tutti gli utenti toscani".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Quando si esce dalla zona rossa? Le Toscana spera a dicembre. Ma Arezzo ha un indice Rt che spaventa

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento