"Grazie per quanta memoria ci hai lasciato"

I principali esponenti del centro sinistra aretino ricordano Enzo Gradassi scomparso questa notte dopo aver lottato tenacemente contro una lunga malattia

"E' difficile lasciare segni. Lo si può fare con l'impegno civile, con la passione umana e politica, con gli scritti e le riflessioni. Enzo Gradassi  lo ha fatto con tutto."

Sono queste le parole con le quali i principali esponenti del centro sinistra aretino ricordano Enzo Gradassi scomparso questa notte dopo aver lottato tenacemente contro una lunga malattia.

La nota congiunta è firmata da Luciano Ralli capogruppo Pd, Francesco Romizi, capogruppo Arezzo In Comune, Alessandro Caneschi, segretario comunale Pd e Francesco Ruscelli, segretario provinciale Pd.

"E un filo ha legato ogni sua azione: l'essere giornalista. Mestiere difficile che nei decenni ha perduto una parte della sua anima ma questo non è mai accaduto ad Enzo che ha vissuto il suo lavoro come studio, approfondimento, ricostruzione, rispetto della verità acquisibile e quindi possibile. Grazie Enzo per il tuo lavoro e per quanta memoria hai lasciato a tutti, impedendo che la frenesia e la superficialità cancellassero  irrimediabilmente le tracce della nostra storia."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento