Politica

Ricci (M5S): "Che l'acqua sia pubblica davvero. No alla proroga e no all'ingresso di Estra"

Massimo Ricci, consigliere comunale di Arezzo del Movimento 5 Stelle, interviene sulla questione del servizio idrico. "Ad Arezzo - esordisce - capisci di essere in campagna elettorale quando i partiti iniziano a parlare di acqua pubblica”. Così...

ricci-massimo

Massimo Ricci, consigliere comunale di Arezzo del Movimento 5 Stelle, interviene sulla questione del servizio idrico. "Ad Arezzo - esordisce - capisci di essere in campagna elettorale quando i partiti iniziano a parlare di acqua pubblica".

Così si leggono - attacca Ricci - comunicati dal titolo rassicurante in cui nella stessa frase si trova "servizio essenziale in mano pubblica" accostato a dichiarazioni come "ci pare opportuno che nella compagine entrino soggetti con partecipazione pubblica" pensando ad una Spa come Eestra, il tutto collegato alla contrarietà di estendere la proroga della gestione del servizio a Nuove Acque di 3 anni.

Per esempio Fi, tramite il suo capogruppo Apa, afferma di voler portare in consiglio comunale la discussione, benissimo: grazie ai numeri che già hanno, che convochino un consiglio aperto per discutere della inopportunità di prorogare la concessione a Nuove Acque, ma ciò non deve in alcun modo essere usato come moneta di scambio per promuovere un'altra iniziativa che potrebbe rivelarsi ancor più dannosa della proroga, e cioè inserire nella compagine societaria una Spa come Estra.

Se c'è la volontà da parte di questa maggioranza di riportare il servizio idrico in mano pubblica, allora lo si faccia davvero, e non si continui a mettere tale servizio essenziale in mano a società che devono fare profitto, perché altrimenti si continua a prendere in giro i cittadini.

Aspettiamo con ansia che venga finalmente convocato un Consiglio comunale aperto per discutere ed approfondire lo stato attuale del servizio e come è possibile riportarlo non solo in mano pubblica, ma anche come renderlo finalmente efficiente.

Auspichiamo che vengano coinvolti i principali soggetti che di questa battaglia hanno fatto un principio fondante come il Comitato Acqua Pubblica di Arezzo, oltre che esperti dellaripubblicizzazione del servizio idrico quali il dottor Lobina, Giacomo Giannarelli, portavoce M5S in Regione Toscana e primo firmatario della proposta di legge regionale "norme per la tutela, il governo e la gestione del servizio idrico integrato (modifica alla L.R. 69/2011)".
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricci (M5S): "Che l'acqua sia pubblica davvero. No alla proroga e no all'ingresso di Estra"

ArezzoNotizie è in caricamento