menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bucine maglia nera del Valdarno per la differenziata. L'appello: "Necessario cambiare passo"

Abbiamo al contempo anche il peggior dato di crescita (un misero +1,77%) rispetto all'anno precedente di tutta la vallata che ci dipinge come la maglia nera del Valdarno

Sono appena stati pubblicati i dati sulla raccolta differenziata nell'Ato Toscana Sud nel primo semestre del 2019 e sulla questione interviene la lista civica Alleanza per Bucine.

Abbiamo in questi giorni preso nota dei numeri pubblicati dall' Ato Toscana Sud sulla percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti e il dato nostro malgrado è molto negativo: il nostro Comune infatti è  risultato il peggiore di tutto il Valdarno con appena il 41,09% di differenziata (comuni limitrofi come Civitella, Monte San Savino e Castiglion Fibocchi registrano rispettivamente il 72% 73% e 65%).
Abbiamo al contempo anche il peggior dato di crescita (un misero +1,77%) rispetto all'anno precedente di tutta la vallata che ci dipinge come la maglia nera del Valdarno.

Tutto questo nel mentre i cittadini e contribuenti di questo comune si sono appena ritrovati un aumento medio in bolletta del 7% sulla Tari. Nel prossimo consiglio comunale che si terrà dopo le ferie estive, porteremo questi dati preoccupanti all'attenzione del sindaco Benini e della sua maggioranza; la questione rifiuti è di fondamentale importanza per il nostro territorio e per tutto il Paese.

Chiederemo a Benini quali siano le sue intenzioni e le sue proposte per migliorare ed efficentare il servizio di  raccolta rifiuti e di conseguenza per addivenire a risultati più decorosi sulla differenziata; sarà opportuno a nostro avviso anche un forte e serio lavoro di sensibilizzazione della popolazione su questo tema, perché soltanto remando tutti insieme dalla stessa parte si può ottenere un risultato.
Sarà l'occasione - speriamo - anche per mettere alla luce quelle criticità emerse in questi mesi su alcune postazioni di cassonetti, sui molti abbandoni di materiali che si sono registrati nel territorio comunale e sulla eventualità di progettare nuove piattaforme di basamenti per i cassonetti - più sicure e fruibili - ed opportune barriere oscuranti per un miglior impatto visivo delle stesse, considerando anche la forte vocazione turistica del nostro territorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Gossip Style

    La nuova frontiera social: postare foto senza trucco

  • social

    Zecchino d’Oro: aperti i casting online per la Toscana

  • Gossip Style

    Estate 2021, la moda delle perline colorate

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento