Sabato, 24 Luglio 2021
Politica

Psi, focus sui servizi sanitari apre gli incontri di Polis. Ospiti Tanti e Ralli

Un focus sui servizi sanitari ed assistenziali della città di Arezzo apre il programma di appuntamenti di Polis. L'officina di cultura politica del Partito Socialista Italiano della Zona Aretina inaugura mercoledì 11 ottobre con un incontro dal...

Partito Socialista Italiano - Alessandro Giustini

Un focus sui servizi sanitari ed assistenziali della città di Arezzo apre il programma di appuntamenti di Polis. L'officina di cultura politica del Partito Socialista Italiano della Zona Aretina inaugura mercoledì 11 ottobre con un incontro dal titolo "La tutela della salute nella nostra città" che metterà a confronto politici, medici, rappresentanti delle associazioni e cittadini per discutere delle potenzialità e delle problematiche di un tema che interessa da vicino ogni persona. Il dibattito, ad ingresso libero, prenderà il via alle 18.00 all'Arena Eden e si svilupperà attraverso le parole di esponenti di diverse aree politico-culturali: dall'assessore alla sanità del Comune di Arezzo Lucia Tanti al capogruppo in consiglio comunale del Pd Luciano Ralli (fresco di nomina come responsabile toscano della sanità del Pd), dal pediatra Giovanni Poggini ai rappresentanti di Calcit, istituto di Agazzi, Fondazione Cesalpino e Croce Bianca.

«La serata - spiega il segretario del Psi della Zona Aretina Alessandro Giustini, moderatore dell'incontro, - permetterà di affrontare le varie tematiche legate alla sanità aretina con l'obiettivo di evidenziarne punti di forza e di debolezza per individuare possibili strategie di miglioramento da proporre alle amministrazioni».

Oltre a trattare le delicate questioni dell'ospedale San Donato relative alle liste d'attesa o alle carenze del Pronto Soccorso, saranno approfonditamente sviluppati argomenti più ampli relativi alla prevenzione e alla tutela della salute, spaziando tra servizi assistenziali e sociali che fanno riferimento alla disabilità, all'anzianità e alle condizioni di fragilità di famiglie sempre più in difficoltà anche nel semplice pagamento di un ticket per una visita medica. Gli interventi di politici e di professionisti, dunque, saranno alternati da quelli dei rappresentanti di enti e associazioni che quotidianamente sono attivi in questi settori in forma più o meno volontaria; le testimonianze e le esperienze dei cittadini presenti rappresenteranno infine un ulteriore stimolo per formulare una reale proposta di cambiamento.

«La città di Arezzo - commenta Giustini, - ha saputo costruire in passato significativi ed innovativi meccanismi di tutela della salute, basti pensare all'esempio del Calcit; tutto ciò, purtroppo, negli ultimi anni è stato messo in discussione dalla crisi e dagli scarsi investimenti. I servizi per salute mentale, disabilità, dipendenze e anziani risultano spesso non adeguati e si sommano alle più note carenze in alcuni ambiti ospedalieri, dunque oggi occorre fornire nuove e urgenti risposte alle crescenti problematiche delle famiglie e maggiori aiuti istituzionali alle associazioni e alle iniziative del volontariato. La progettazione di un nuovo piano sanitario per la città di Arezzo deve nascere dalla consapevolezza, dalle scelte e dall'impegno degli stessi cittadini per poter costruire tempestivi e innovativi servizi con Asl e Regione».
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Psi, focus sui servizi sanitari apre gli incontri di Polis. Ospiti Tanti e Ralli

ArezzoNotizie è in caricamento