Anghiari, M5S: "Ecco alcune nostre proposte per la ripresa economica nella fase 2"

Rinvio della Tari e esenzione della tassa di occupazione del suolo pubblico tra le proposte avanzate al sindaco Polcri

"Il 4 maggio è scattata la fase 2 dell'emergenza Covid-19 ed anche nel nostro territorio alcune imprese hanno potuto riprendere l'attività pur nel rispetto dei limiti di sicurezza ancora in vigore".

Il Movimento 5 Stelle di Anghiari chiede al sindaco Alessandro Polcri e alla sua giunta di prendere in considerazione alcune proposte per la ripresa economica del paese.

"Siamo consapevoli che anche la nostra cittadina pagherà purtroppo le conseguenze della grave crisi economica che l'emergenza sanitaria ha innescato. I nostri cittadini hanno fin qui agito con grande responsabilità rispettando le imposizioni dovuto al lockdown nazionale, tant'è che nel nostro territorio siamo perlomeno rimasti ai margini della pandemia, senza lutti e conseguenze gravi sulla salute. Ora è il momento di fare uno sforzo ulteriore per dare fiducia alla ripresa economica che sarà comunque lunga e difficile".

Ecco le proposte:

  • Riaprire da subito, con tutti i possibili accorgimenti per la sicurezza sanitaria (es. disinfestazione giornaliera del punto di accesso), le due casine dell'acqua;
  • Esenzione per tutto l'anno 2020 della Tassa di occupazione di suolo pubblico  per tutte le attività economiche  che ne facciano richiesta, garantendo altresì piena disponibilità ad utilizzare ogni area adiacente alle stesse per la somministrazione di alimenti e bevande nonché stand di altri prodotti di consumo che, considerata la limitata capacità di uso degli spazi al chiuso, possa sopperire ad un consistente calo di clientela ed aggravio dei costi di gestione;
  • Rinvio ulteriore degli acconti TARI 2020 dal 16 maggio al 30 settembre con saldo al 15.12.2020. Tale misura si rende necessaria considerato altresì che molte attività economiche sono legate quasi esclusivamente al turismo stagionale che purtroppo vede questa stagione estiva ormai compromessa;
  • Chiedere e rivendicare nei confronti di Sei Toscana, che il servizio piattaforma ecologica non fornito dal 9 marzo al 11 maggio (data di annunciata riapertura) venga computato a totale carico del Gestore, inoltre che le utenze, domestiche e non, non vengano penalizzate nel punteggio degli sconti/riduzione tariffa  facendo riferimento a quanto conferito nel bimestre marzo/aprile 2019;
  • Rendere Piazza Baldaccio completamente pedonabile. In considerazione del fatto che le attività di bar e ristorazione ubicate nella Piazza avranno necessità di maggiore spazio a causa delle norme sul distanziamento sociale, proponiamo di sperimentare la chiusura totale della piazza al traffico veicolare e creare un’isola pedonale, come già proposto da tempo dal M5S di Anghiari.

Il Movimento 5 Stelle di Anghiari si rende disponibile a discutere in Consiglio comunale ogni altra iniziativa volta a ridare slancio alla comunità anghiarese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quando si esce dalla zona rossa? Le Toscana spera a dicembre. Ma Arezzo ha un indice Rt che spaventa

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Nuove regole allo studio per Natale e Capodanno: verso il Dpcm del 3 dicembre

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Nuovi assetti bancari in provincia:18 filiali Ubi passano a Bper. Tra queste anche la sede storica di Banca Etruria

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento