Politica

Il Pd cambia rotta: Arezzo e la provincia scelgono Zingaretti (64%) che ne elegge 5 all'assemblea nazionale

Il commento dei due reggenti provinciali Matteo Bracciali e Francesco Ruscelli

La sede PD la sera delle Primarie

Primo Nicola Zingaretti con 7.657 voti pari al 64%, poi Roberto Giachetti con 2.530 preferenze pari al 21,15%  e infine Maurizio Martina con 1.775 voti pari al 14,84%. Questi i dati provinciali usciti dalle urne delle Primarie al termine del veloce scutinio di ieri sera.

Dati che somigliamo molto a quelli espressi dalla città di Arezzo, dove il fronte Zingaretti ha stravinto, anche se non era affatto scontato, con 1.909 voti pari al 64,4%, seguito da Giachetti con 690 e il 23,15% e infine Martina con 380 preferenze e il 12,75%.

Numeri questi che servono soprattutto alla commissione elettorale regionale del Pd che dovrà ratificare i nomi di chi, tra i candidati aretini nelle tre rispettive liste, entrerà di diritto nell'assemblea nazionale del partito.

Nella sede provinciale del Pd a Sant'Agostino i primi conti sono stati fatti e salvo diverse interpretazioni dovrebbero entrare in assemblea i primi cinque della lista Zingaretti, e non come sembrava all'inizio quattro, uno solo per Giachetti e il capolista per Martina. E quindi Barbara Croci, Massimiliano Dindalini, Francesca Sansoni, Giuseppe Giorgi e Vanessa Bigliazzi; Francesca Neri (mentre Alessandro Caneschi con il ricalcolo degli eletti resta fuori); Marco Donati.

Le prime dichiarazioni arrivano dai due reggenti del Pd provinciale di Arezzo.

"Un ringraziamento innanzitutto ai quasi 400 volontari che per 2 giorni si sono impegnati negli 80 seggi dellla provincia - ha dichiarato Francesco Ruscelli -  Sono una risorsa preziosa del Pd, grazie anche a loro si è avuto il successo di questa prova di democrazia. Dal punto di vista politico questo voto è un chiaro segnale di voglia di cambiamento, sono dati che tracciano una linea del Pd precisa, da assumere sia a livello nazionale che ad Arezzo. Così ci avviamo alle amministrative che ci vedrà impegnati in prima linea per i 26 comuni che vanno al voto questa primavera."
 

Nella sede Pd fino alla fine anche il collega Matteo Bracciali:

"Il dato dell'affluenza è importantissimo, considerando che siamo all'opposizione in comune, in provincia e al governo nazionale, questo ci dà una grande speranza di poter contare su una base forte viva e attiva. I dati di Zingaretti sono talmente importanti da dare uno slancio e una linea molto chiara rispetto a quale sarà l'opposizione da fare e la ricostruzione dell'alternativa di governo. Avanti tutta con Zingaretti in un partito che smette di discutere di se stesso e discute di quello che succede nelle comunità."

L'affluenza definitiva

Tutti i dati nei seggi di Arezzo e in tutti i comuni della provincia

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Pd cambia rotta: Arezzo e la provincia scelgono Zingaretti (64%) che ne elegge 5 all'assemblea nazionale

ArezzoNotizie è in caricamento