Popolari per Arezzo: "Una mobilità cittadina sostenibile per ridurre lo smog"

L'amministrazione deve agire con interventi concreti per ridurre lo smog ad Arezzo e per tutelare la salute dei cittadini. I dati registrati dall'Arpat sono preoccupanti e hanno indicato costanti e diffusi superamenti dei limiti fissati dalle...

popolari-Scatizzi-Gallorini-e-Grasso-1

L'amministrazione deve agire con interventi concreti per ridurre lo smog ad Arezzo e per tutelare la salute dei cittadini. I dati registrati dall'Arpat sono preoccupanti e hanno indicato costanti e diffusi superamenti dei limiti fissati dalle normative europee ed italiane per quanto riguarda la presenza delle polveri sottili nell'atmosfera, dunque sono necessarie rapide strategie per contenere l'inquinamento e migliorare la qualità dell'aria. I Popolari per Arezzo propongono allora una campagna volta a ridurre il traffico cittadino, pianificando nuove strategie di mobilità che permettano di sensibilizzare e di educare all'utilizzo dei mezzi pubblici attraverso un potenziamento del servizio urbano. Il problema è infatti prevalentemente culturale, dunque occorre agire sulle abitudini quotidiane dei cittadini offrendo loro una valida alternativa al trasporto privato.

«Solo strutturando una reale mobilità sostenibile - spiega Giovanni Grasso, vicepresidente dei Popolari per Arezzo, - è possibile trovare soluzioni lungimiranti al problema dello smog e garantire una vita salubre e salutare ai cittadini. Un servizio pubblico efficiente, infatti, porta ad una diminuzione dell'utilizzo del mezzo privato con una conseguente diminuzione del traffico e dell'inquinamento, rendendo allo stesso tempo più vivibile e sicura la città».

In questo ambito, uno dei temi di prioritaria importanza riguarda dunque il trasporto pubblico urbano, da riprogettare aumentando gli orari e le fermate degli autobus per collegare efficientemente ogni zona della città e per assecondare le effettive esigenze dei cittadini, con particolare attenzione ai lavoratori e agli studenti. In parallelo deve partire un'azione di informazione e di sensibilizzazione rivolta alle scuole e agli uffici, con abbonamenti a prezzi agevolati e con la mappatura di una serie di "parcheggi scambiatori" costantemente collegati con i principali luoghi di aggregazione. Tra le iniziative ad hoc, invece, potrebbe rientrarvi la chiusura in alcune giornate del traffico nel centro storico come occasione per stimolare a muoversi senza automobile e per testare un eventuale ampliamento delle zone pedonali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Dalle abitudini quotidiane - aggiunge Grasso, - dipende anche un'altra delle cause della presenza di polveri sottili, cioè l'abuso dei riscaldamenti nelle abitazioni e negli uffici: in questo senso occorre una regolamentazione in termini di orario e di temperature, oltre ad un incentivo a rinnovare le vecchie caldaie».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma della strada: perde la vita in un terribile schianto alle porte di Arezzo

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Muore a 24 anni nello schianto tra Monte San Savino e Arezzo

  • Doppio dramma della strada: Enrico e Stefano, due vite spezzate

  • Ciclista va in arresto cardiaco e cade rovinosamente. Rianimato: è grave

  • "Addio Enrico", quell'amore per moto e calcetto. Il dolore di Palazzo del Pero: attesa per i funerali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento