Polemiche a Sansepolcro per gli arredi esterni dei negozi durante le fiere di Mezza Quaresima

Nei giorni scorsi alcuni commercianti del centro storico si sono lamentati con l’amministrazione comunale di Sansepolcro dopo che era stato comunicato loro che era necessario rimuovere le pertinenze installate fuori dai propri negozi durante la...

AE SANSEPOLCRO

Nei giorni scorsi alcuni commercianti del centro storico si sono lamentati con l’amministrazione comunale di Sansepolcro dopo che era stato comunicato loro che era necessario rimuovere le pertinenze installate fuori dai propri negozi durante la quattro giorni delle Fiere di Mezza Quaresima. Sulla vicenda è intervenuto il consigliere comunale Lorenzo Moretti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
"L'amministrazione comunale ha preso una decisione assurda obbligandoli a rimuovere le pertinenze esterne dei loro locali nei giorni in concomitanza con le Fiere di Mezza Quaresima per poi poterli installare successivamente a seguito della manifestazione. Dunque - osserva Moretti - prima diamo la possibilità di installare le pertinenze esterne tutto l’anno, cosa ottima in un periodo così di crisi, e poi li costringiamo a spendere svariate migliaia di euro per la rimozione delle stesse per soli 4 giorni?

Così si “taglia le gambe” ad esercenti che fanno già i miracoli per tenere aperte le loro attività e dare lo stipendio ai loro dipendenti. Si potrebbe invece tranquillamente trovare una soluzione diversa per gli ambulanti ospiti, senza dover infierire sugli esercenti che già stanno attraversando un periodo di crisi economica. Le Fiere di Mezza Quaresima sono un momento importante per l’economia del paese e da sempre ci cercano soluzioni per svolgere un evento che forse non potrebbe nemmeno essere ospitato nel centro storico biturgense, causa la mancanza di sicurezza e vie di fuga. Ma giustamente per il bene dell’economia locale troviamo soluzioni alternative che superano almeno parzialmente il problema. Quindi anche in questo caso, invito l’amministrazione a riflettere su come trovare una soluzione risolutiva che vada incontro ai nostri esercenti, per i quali le Fiere possano diventare mezzo di guadagno e non di spesa."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento