menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Podere Rota, Monni: "Non alimentare confusione, partecipazione garantita"

L'assessore all'ambiente Monia Monni interviene nel dibattito che si è nuovamente aperto, ribadendo la volontà di non alimentare confusione e di garantire la massima partecipazione delle comunità interessate

Ampliamento Podere Rota. L'assessore all'ambiente Monia Monni interviene nel dibattito che si è nuovamente aperto, ribadendo la volontà di non alimentare confusione e di garantire la massima partecipazione delle comunità interessate. “Quello che sto leggendo sulla stampa in questi giorni - commenta - merita un chiarimento per evitare di generare un’inutile e dannosa confusione. Rispetto all’istanza di ampliamento per rifiuti speciali della discarica, il fatto che sia stato avviato il procedimento autorizzativo non è un elemento nuovo, bensì un fatto noto a tutti. Nello specifico il procedimento è stato avviato, come previsto dalla legge, successivamente alla verifica della cosiddetta 'completezza documentale'. A questo fine, rispetto all’istanza presentata dalla Società Valdarno Ambiente, è utile ricordare come gli uffici regionali abbiano chiesto integrazioni al proponente per ampliare i Comuni potenzialmente interessati dagli impatti. Nello specifico: Figline Incisa Valdarno, Castelfranco Piandiscó, Loro Ciuffenna, Montevarchi e Cavriglia”.

“Quanto alla presunta mancata risposta ad una lettera della sindaca di San Giovanni del 2 dicembre - aggiunge Monni - è utile ricordare che si è tenuta una riunione il 4 dicembre, come detto dalla stessa sindaca, in cui ho assunto il preciso impegno di assicurare la massima partecipazione possibile delle comunità attraverso l’attivazione dello strumento dell’inchiesta pubblica. Su questo mi preme chiarire che, da tempo, ho dato mandato agli uffici regionali e a breve finalizzeremo l’attivazione attraverso apposita delibera di giunta regionale. Come normale ogni procedura richiede fisiologici tempi tecnici”.

Sul tema del presunto inquinamento dice anche che “Arpat sta conducendo verifiche che troveranno spazio per il necessario approfondimento all'interno del complesso iter autorizzativo previsto.  L'obiettivo, nel caso in cui fosse confermata la presenza di inquinanti, è l'individuazione e l'interruzione della fonte, oltre all'individuazione dei responsabili che dovranno procedere alla bonifica laddove fosse necessario. Non ho intenzione - conclude - di sottrarmi a nessun impegno rispetto a quelli che ho assunto con i sindaci, a partire dall’assicurare la massima partecipazione possibile delle comunità locali”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Anthony Hopkins a Cortona dopo l'Oscar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento