Il Pd di San Giovanni Valdarno contro l'ampliamento di Podere Rota

Il partito Democratico  di San Giovanni Valdarno, dopo aver appreso dagli organi di stampa del progetto Valdarno Ambiente, ribadisce "il suo netto e chiaro dissenso"

"Il partito Democratico  di San Giovanni Valdarno, dopo aver appreso dagli organi di stampa del progetto Valdarno Ambiente (ed in particolare di quella sua parte concernente il possibile  ampliamento  dell'impianto di compostaggio rifiuti di "Podere Rota"), ribadisce il suo netto e chiaro dissenso. Nel fare ciò concorda in pieno con quanto già dichiarato dal sindaco Valentina  Vadi per esprimere la disapprovazione della nostra cittadinanza rispetto a questa prospettiva". Si apre così una nota del Pd di San Giovanni che prosegue:

"Pur non entrando  in merito  alle questioni specificatamente tecniche (sulle quali avremo modo di confrontarci nel corso di una nostra prossima assemblea convocata a breve per valutare quante e quali iniziative siano da prendere  a proposito di questa problematica),  ci preme da subito fare alcune  considerazioni.
Il PD di San Giovanni  ha da sempre  una posizione chiara ed univoca ed una data di riferimento, l'anno solare 2021,  come l'orizzonte temporale per la chiusura della discarica. Questa posizione  non nasce  certo adesso, perché il nostro partito ha continuamente  fatto sentire a chiare note la sua voce attraverso  le mozioni dei suoi Consiglieri  e sollecitando frequentemente  i lavori delle commissioni competenti ( fino a far giungere con propri documenti in sede regionale la richiesta di chiarezza e date certe sulla chiusura dell'impianto).  Nel 2018 il PD di San Giovanni fu' in primissima linea con le altre segreterie e con le amministrazioni di centro sinistra del Valdarno (ad eccezione ovviamente di Terranuova Bracciolini) nell’esprimere con estrema chiarezza il proprio indirizzo nel considerare non procrastinabile oltre il 2021 la chiusura della discarica. Sulla base di queste elementari considerazioni riteniamo semplicemente assurde le dichiarazioni  del sindaco  di Terranuova  Bracciolini in merito  a ipotetici “importanti  scenari di sviluppo   di tutto  il territorio  del Valdarno”; in parole di questo genere noi non riusciamo ad intravedere alcuna prospettiva di sviluppo, constatando invece la volontà di rimanere ancorati a logiche industriali datate ed incompatibili con l'attuale sensibilità ambientale e gli stessi orientamenti europei che da tempo considerano obsoleto l'utilizzo delle discariche puntando ad implementare nuovi sistemi  per quanto  riguarda  lo smaltimento  di rifiuti.   La nostra ferma convinzione è che il gettito proveniente dal disagio ambientale doveva essere utilizzato per intero al fine di creare investimenti nello sviluppo di politiche sostenibili che guardano al futuro e che sono a beneficio di tutta quanta la popolazione, non certo per continuare ad alimentare un sistema saldamente ancorato al passato e di cui risulta beneficiaria solo una porzione della nostra vallata. Il nostro territorio delle Balze, un tempo straordinariamente bello sotto ogni punto di vista e oggetto delle indagini geologiche di Leonardo, ha già dato ampiamente ed è giunto il tempo che si riappropri della propria vocazione recuperandolo a pieno dal punto di vista turistico e ambientale. Questo è il nostro modo di pensare allo sviluppo, alle prospettive di crescita  ed al futuro delle nuove generazioni.
Il nostro  partito  si attiverà  dunque quanto prima anche presso la nuova  Giunta Regionale toscana  per promuovere   le nostre istanze, pur nella consapevolezza di quanto sia  grave e penalizzante l'assenza  di rappresentanti territoriali della nostra Provincia  nel nuovo esecutivo che viene ad essere delineato proprio in questi giorni. Anche alla luce di questo semplice dato di fatto, ci sentiamo di formulare un invito accorato a tutte le forze politiche e associative della nostra città per lavorare assieme alla nostra Amministrazione  Comunale,  formulando proprie proposte ed intraprendendo iniziative mirate ad un fronte comune contro la prospettiva di questo ampliamento.  Noi ci saremo  e non faremo  mancare  la nostra voce, consci della grande difficoltà di questa battaglia ma determinati a far valere la bontà delle nostre ragioni con lo stessa fermezza di chi, come Greta Thunberg, ha scardinato un modo obsoleto di pensare con la semplice affermazione che: Non sei mai troppo piccolo per fare la differenza.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

  • Coronavirus: 658 nuovi casi e 32 decessi. I dati di oggi della Regione Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento