Pd: "Una sede definitiva per l'Hospice in un progetto di recupero del Pionta"

"La proposta del Pionta può risolvere due problemi: una sede definitiva per l'Hospice e l'avvio del recupero di un'area che non può continuare a rimanere abbandonata e inutilizzata"

I gruppi consiliari Pd Arezzo e Lista Ralli intervengono in merito al recupero dell'area del Pionta per dare una sede fissa all'hospice.

"Una sede stabile nell'area Pionta e una sede efficiente e dignitosa in attesa dell'avvio e del completamento dei lavori al Pionta.

L'hospice è una struttura molto particolare che per la sua funzione e per i pazienti che ospita, ha bisogno della massima attenzione. Il Covid prima e la condivisibile valutazione che non può essere ospitata dentro il San Donato, hanno creato una condizione di provvisorietà che deve essere superata al più presto.

La proposta del Pionta può risolvere due problemi: una sede definitiva per l'Hospice e l'avvio del recupero di un'area che non può continuare a rimanere abbandonata e inutilizzata. Le sue funzioni e la sua utilizzazione devono vedere una progettazione condivisa tra Comune, Asl e Università con il coinvolgimento dei soggetti sociali che in questi anni si sono interessati al futuro dell’area. Ovviamente una sede definitiva deve essere progettata in una logica di sviluppo di questo servizio, non limitandosi all’attuale dimensionamento delle capacità di accoglienza dei pazienti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm in arrivo: regioni chiuse e nuova divisione per colori. Cosa cambia per la Toscana

  • Toscana ancora in zona gialla? Si decide. Nuovo Dpcm: massimo 2 ospiti non conviventi in casa

  • Saturimetro: come funziona e quali sono i migliori modelli da acquistare on line

  • Banda dell'Audi bianca, è caccia aperta: le segnalazioni e la foto virale che fa sperare nell'arresto. Ma è un'altra operazione

  • Arrivati i nuovi vaccini Covid: ecco chi può accedere e come prenotarsi. Arezzo al top per somministrazioni

  • "Pettorina finta e Glock in mano, così ho capito che non erano carabinieri". Il vocale che svela i trucchi della banda dell'Audi bianca

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento