Sabato, 18 Settembre 2021
Politica

Il Pd: "Sosteniamo chi rimane e accogliamo chi fugge dall’Afghanistan"

La nota: "Sosterremo le Ong che affrontano la situazione nel Paese e l’Anci per organizzare l’accoglienza in Italia. Si può donare, nella massima trasparenza e tracciabilità"

Inizia oggi la campagna nazionale Pd "Insieme per il popolo afgano". Di cosa si tratta. Lo spiega una nota del partito: "per sostenere chi rimane, per  accogliere e dare conforto a chi fugge dall’Afghanistan". Il Pd spiega: "sosterremo le Ong che affrontano la situazione nel Paese e l’Anci per organizzare l’accoglienza in Italia. Si può donare, nella massima trasparenza e tracciabilità. La nostra comunità sarà al fianco dei sindaci e delle amministrazioni in prima linea nell'accoglienza e nei gemellaggi con le città afgane. Questo è il momento di dare sostegno e speranza. Di fare anche così politica, in nome di quei valori di libertà, solidarietà e accoglienza che fanno parte della nostra più profonda identità. Il Partito Democratico mette quindi a disposizione la propria organizzazione per una sottoscrizione straordinaria finalizzata a: Sostenere chi lavora in Afghanistan da anni. Oltre ad Emergency e Croce rossa italiana,  Pangea onlus, Women for women onlus, Nove onlus. Queste associazioni  saranno destinatarie delle donazioni raccolte; sostenere l’accoglienza dei profughi che arriveranno in Italia e che, attraverso i Comuni e il volontariato, saranno accompagnati in un percorso di inserimento. Anche l'Anci - l'Associazione nazionale dei Comuni italiani -  sarà destinataria  delle risorse raccolte, che verranno poi distribuite alle singole amministrazioni coinvolte".

I dem proseguono: "Attraverso la nostra comunità vogliamo, infine, fornire un supporto concreto alle donne e alle loro famiglie che arriveranno dall'Afghanistan. Chiunque ne abbia la volontà, può comunicarci la propria disponibilità per: l'accoglienza di donne o famiglie, offrendo sin d'ora un sostegno economico e morale per un periodo determinato; l'accompagnamento per il disbrigo di  pratiche varie (anagrafe, scuola, università); l'insegnamento della lingua italiana; l'assistenza medica; la formazione e l'inserimento anche in piccoli contesti lavorativi. Per farlo è sufficiente scrivere a info@ledonnexledonne.org,  indicando, oltre al nome e al cognome, comune di residenza, indirizzo email,  numero di telefono e tipo di disponibilità da offrire".

Ieri, a tal proposito, era arrivata una nota da parte della Conferenza delle donne democratiche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Pd: "Sosteniamo chi rimane e accogliamo chi fugge dall’Afghanistan"

ArezzoNotizie è in caricamento