menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Candidatura a capitale italiana della cultura, Pd: "Dal sindaco solo fuffa, è bastato inviare tre paginette". Fi risponde

Il segretario Alessandro Caneschi: "Un atto dovuto nei confronti della bellezza e del valore culturale della nostra terra che di certo non ha scoperto Ghinelli"

Arezzo è tra le 44 città candidate a diventare "Capitale della Cultura 2021".

Il Partito Democratico, nelle parole del segretario Alessandro Caneschi, replica alle dichiarazioni del sindaco Ghinelli.

Capitale della cultura, Ghinelli: "Sfida che possiamo vincere"

"Curioso leggere le dichiarazioni del sindaco a proposito dell’inclusione della nostra città fra le candidate a 'Capitale italiana della Cultura'. Ben inteso, crediamo che per Arezzo questa possa essere davvero un’opportunità da cogliere, ma il bello viene adesso. A giorni infatti il comune dovrà preparare un dossier molto curato per cercare di battere la concorrenza di importanti centri nazionali. Candidarci - spiega il segretario del Pd di Arezzo Alessandro Caneschi - ci sembra, più che un traguardo, un atto dovuto nei confronti della bellezza e del valore culturale della nostra terra che di certo non ha scoperto Ghinelli. Sconsiglierei pertanto al sindaco di pavoneggiarsi dietro un risultato che non c’è. Il risultato dell’inclusione nella lista delle città candidate è stato raggiunto riempiendo un modulo di tre pagine e inviandolo per email. Crediamo che il bello venga adesso, sì perché in questi giorni dovrà essere elaborato un progetto vero e proprio. Il sindaco aveva detto di aver appreso dell’inclusione, non vorremmo che avesse atteso questa notizia per produrre qualcosa di concreto e non solo tre paginette per rendere competitiva la nostra città in questa sfida. Da parte nostra facciamo i migliori auguri all’amministrazione comunale che, considerato lo smantellamento dell’ufficio cultura, dovrà far lavorare su questo dossier la Fondazione Guido d’Arezzo. Pensiamo tuttavia che il grosso del lavoro sia stato fatto, dal restauro del Teatro Petrarca, a quello della Fortezza fino a quello di Piazza Grande, tutte opere realizzate grazie alle precedenti amministrazioni di centrosinistra. Ci domandiamo invece quale sia in fatto di cultura l’idea dell’attuale giunta di centrodestra, aldilà delle maxi spese per un festival con scarse ricadute sul territorio".

La risposta di Forza Italia

“Assistiamo - dice Jacopo Apa, capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale - a continui piagnistei da parte del Pd sulle tante azioni dell'amministrazione comunale Ghinelli, le quali però, hanno l’unico scopo di valorizzare Arezzo. Bisogna dare manforte e non caratterizzarsi con litanie stucchevoli che mirano a trovare qualcosa che non va per forza anche quando le scelte sono corrette e positive.

Capiamo la “sofferenza” del Pd e del suo segretario Caneschi nel vedere Arezzo sempre più avanti e alla ribalta grazie a Ghinelli ed alla maggioranza che lo sostiene, ma crediamo che su una possibilità così importante non si possa e non si debba fare “harakiri”. La scelta di Ghinelli è condivisa dagli aretini che vedono in questo un’occasione ed una grande opportunità per la città e per la sua economia, bisogna sostenere, non osteggiare per partito preso, chi crede che Arezzo possa diventare la capitale della cultura.

Questa cattiva abitudine politica del “sempre no a prescindere” ha storicamente fatto solo danni e rallentato a dismisura molte occasioni in ambito amministrativo. Non capiamo quindi questa polemica, sterile ed inutile, che ha l’unico pregio di poter mettere a confronto il buon Governo del centro-destra aretino con il “nulla cosmico" di quando governava la sinistra.

Tuttavia se a Caneschi non va bene la procedura dell’inserimento di Arezzo tra le città candidate, ne proponga la revoca così potrà dirsi soddisfatto e abbia solo la pazienza poi di ascoltare le reazioni della città.

Il sindaco Ghinelli nella sua dichiarazione in merito ha espresso orgoglio e la voglia di spendersi in prima persona affinché, questo risultato, diventi concreto. Nonostante quello che pensa il Pd, Arezzo ha tutte le carte in regola per raggiungere questo straordinario traguardo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    Come si trasforma il nostro corpo quando ci innamoriamo

  • Eventi

    Benedetta Torrini vince Sanremo Newtalent

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento