Palazzetto d'Agata, pubblicato il bando per la gestione. Popolari: "Gara inattuabile"

"Il bando per la concessione in gestione del palazzetto dello sport Mario d'Agata è stato finalmente pubblicato. Dopo una lunga attesa, il Comune di Arezzo ha reso noti i termini che porteranno all'assegnazione delle Caselle ma, tra questi, vi...

popolari-Scatizzi-Gallorini-e-Grasso-1

"Il bando per la concessione in gestione del palazzetto dello sport Mario d'Agata è stato finalmente pubblicato. Dopo una lunga attesa, il Comune di Arezzo ha reso noti i termini che porteranno all'assegnazione delle Caselle ma, tra questi, vi sono tante voci che rendono la gara inattuabile e penalizzante per le società sportive".

Ad affermarlo sono i Popolari per Arezzo che, in una nota, dopo aver analizzato il documento, ne illustranomalcuni passaggi che vorrebbero fossero chiariti l'amministrazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
"Il primo nodo riguarda la restrizione della partecipazione al bando alle sole società che, tra le proprie finalità statutarie e costitutive, hanno come sport la pallacanestro, il calcetto, la pallavolo o l'hockey; questo, dunque, penalizza inevitabilmente numerose realtà che, a prescindere dalla storicità e dal numero di atleti, sono impegnate in altre discipline. Il bando si presenta poi eccessivamente sbilanciato a favore dell'amministrazione, come testimoniano alcuni passaggi relativi al rapporto tra il Comune e la società assegnataria. A pagina 18 si legge che 'il soggetto concessionario dovrà garantire una disponibilità gratuita di minimo trenta giorni annui per lo svolgimento di manifestazioni promosse dall'amministrazione comunale', ma uno degli aspetti più critici si trova a pagina 19: 'l'amministrazione si riserva il diritto di recedere dal rapporto di concessione per motivi di pubblico interesse con obbligo di preavviso di mesi sei'. Questa affermazione, priva di ulteriori chiarimenti, lascia al Comune la possibilità arbitraria di annullare la concessione alla società che ha ricevuto il palasport e che, nel frattempo, vi ha investito ingenti risorse economiche". A chi partecipa, mettono in evidenza i popolari, viene richiesto un investimento minimo di 15.000 euro per eventuali lavori di miglioria volti al risparmio energetico attraverso l'adeguamento dell'impianto e delle sue attrezzature. Maggiore sarà l'investimento promesso e maggiori saranno gli anni di concessione, dunque una società potrebbe spendere fino a 250.000 euro per vedersi poi recedere il rapporto di concessione. In conclusione, al soggetto gestore sarà fornito un contributo massimo di 20.000 euro all'anno (anche se saranno premiate le società che giocheranno al ribasso) ma questo dovrà occuparsi di manutenzione ordinaria, straordinaria e della cura complessiva dell'intera tenso-struttura.

«Questo bando - spiegano i Popolari per Arezzo, - ha finalmente visto la luce ma, purtroppo, contiene tanti voci che lo rendono inattuabile per la maggior parte delle società, prevedendo numerosi vincoli a favore dell'amministrazione. Nonostante questo, ci auguriamo che finalmente l'impianto "Mario d'Agata" possa rivivere e che la città torni a godere del suo principale palazzetto dello sport».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento