"Oro e moda, non lasciamo che le fette di mercato di Arezzo vengano mangiate da Turchia e altri paesi"

Lo affermano in una nota congiunta i deputati di Forza Italia Felice Maurizio D’Ettore e Stefano Mugnai: "Ragioniamo subito su come far ripartire oro, moda ed imprese ad alta vocazione internazionale"

“Serve una ripartenza, graduale, in tutta sicurezza, ma che rimetta in moto l’economia. Con il grande pasticcio dei codici Ateco, ad esempio, ad Arezzo le 1.200 imprese dell'oreficeria (primo distretto europeo) e le 800 imprese della Moda sono quasi tutte in ’lockdown’. Considerando che questi settori, come molti altri dell'impresa ed industria italiana, operano prevalentemente in ambito internazionale - la Provincia di Arezzo e' la seconda in Italia per intensita' di export in rapporto alla popolazione -, la situazione attuale regala quote di mercato enormi ai competitor stranieri, localizzati in aree dove si continua a lavorare, come ad esempio in Turchia ed altri paesi".

Lo affermano in una nota congiunta i deputati di Forza Italia Felice Maurizio D’Ettore e Stefano Mugnai.    

"Le nostre produzioni dei settori oro e moda, in particolare, si indirizzano poi ad una fascia alta di consumatori stranieri residenti in paesi economicamente performanti, produzioni quindi destinate nel medio periodo a riprendere un trend di crescita prevedibilmente positivo, purche' si possa riprendere a lavorare prima possibile. Occorre metodo, ragionevolezza, buon senso e sopratutto tempestivita', e decisioni chiare anche sul piano dei modelli normativi per la riapertura ed i protocolli operativi, compresa la "app" (europea) che dovrà seguire gli spostamenti delle persone per ricominciare a lavorare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per le aziende ad alta vocazione internazionale, basterebbero dei protocolli di sicurezza prevedenti, per esempio, una diversa organizzazione del lavoro, articolata su più turni per evitare sovra affollamenti; dispositivi di protezione individuali; igienizzazione frequente dei locali; termoscanner in ingresso e uscita; verifiche periodiche sulle linee di produzione; sostegni pubblici mirati con risorse dedicate per servizi alle imprese. Ragioniamo subito su come far ripartire oro, moda ed imprese ad alta vocazione internazionale, non regaliamo il futuro ai nostri competitors. Le attuali strategie di politica estera ed economica del Governo devono subito tenere conto dell'importanza dei settori produttivi dell'industria italiana che deve tornare a competere sui mercati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

  • Comunali 2020: liste, candidati, sezioni e voti: tutte le preferenze espresse

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento