Non pagano componente di remunerazione e gli chiudono i rubinetti. La denuncia del Comitato Acqua Pubblica

Per noi, per la legge, per l’Onu e per il Papa, l’acqua è un diritto inalienabile sappiatelo voi amministratori dirigenti e maestranze di Nuove Acque e fatelo sapere anche ai vostri soci sindaci compreso quello di Arezzo. Il Comune di Arezzo...

comitato-acqua-pubblica

Per noi, per la legge, per l’Onu e per il Papa, l’acqua è un diritto inalienabile sappiatelo voi amministratori dirigenti e maestranze di Nuove Acque e fatelo sapere anche ai vostri soci sindaci compreso quello di Arezzo.

Il Comune di Arezzo congela le petizioni e blocca le mozioni con intrichi procedurali e svilenti emendamenti mentre i Comuni di Subbiano e Chianciano Terme si sono impegnati a compiere ogni atto per garantire il quantitativo minimo vitale di 50 litri al giorno di acqua potabile, gratuiti, a persona.

Nuove Acque non rispetta il referendum e pretende dagli utenti importi non dovuti minacciando la chiusura dei contatori a famiglie e imprese che, previa formale contestazione, non versano la quota di tariffa relativa alla componente di remunerazione del capitale investito abrogata nel 2011 .

Richiesto d’intervenire, il sindaco di Arezzo Ghinelli, per bocca dell’assessore Sacchetti da lui delegato ad occuparsi delle problematiche relative alla gestione dell’acqua pubblica , ha risposto che secondo lui “è fuori dal mondo che si possa chiedere a Nuove Acque di non perseguire i morosi”.

Dopo tale pronunciamento Nuove Acque ha proceduto a chiudere l’acqua ad un intero condominio lasciando a secco 46 famiglie e 7 attività produttive, stessa sorte è toccata ad un noto ristorante aretino e altre due imprese commerciali si sono viste costrette a cedere al ricatto e pagare quanto indebitamente richiesto per non subire lo slaccio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rimarcato che non può essere equiparato a morosità il mancato pagamento di somme legittimamente contestate, facciamo presente al sindaco di Arezzo e al suo assessore che vige una norma(art. 61- comma 1- Legge 225 del 28 dicembre 2015) che non consente alla società di gestione di eseguire distacchi o sospensioni del servizio a carico degli utenti morosi, figurarsi se può farlo nei confronti di chi moroso non è.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Doppio dramma della strada: Enrico e Stefano, due vite spezzate

  • Ciclista va in arresto cardiaco e cade rovinosamente. Rianimato: è grave

  • "Addio Enrico", quell'amore per moto e calcetto. Il dolore di Palazzo del Pero: attesa per i funerali

  • "Mio fratello era buono e solare. Lo porterò con me in un tatuaggio"

  • Coronavirus, sei nuovi casi nell'Aretino. Contagiati 19enni di ritorno da una vacanza all'estero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento