Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Politica

Niente soldi per Arezzo dal Ministero dei Beni Culturali. La denuncia dei Popolari

La città di Arezzo è una delle poche realtà a non aver goduto delle risorse concesse alla Toscana dal Ministero dei Beni Culturali e del Turismo. Il ministro Dario Franceschini ha infatti assegnato alla regione oltre venti milioni di euro per...

La città di Arezzo è una delle poche realtà a non aver goduto delle risorse concesse alla Toscana dal Ministero dei Beni Culturali e del Turismo. Il ministro Dario Franceschini ha infatti assegnato alla regione oltre venti milioni di euro per interventi volti alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio artistico, culturale e museale, ma di questi solo una piccolissima parte sono andati al territorio aretino per il restauro del tetto dell'eremo di Camaldoli. Ad Arezzo, invece, non è spettato niente. Questa situazione è denunciata dai Popolari per Arezzo che sottolineano come per la città si sia trattato dell'ennesima occasione persa per ottenere risorse che potevano essere utilizzate per i più svariati progetti: dal miglioramento dell'organizzazione museale al rinnovo degli apparati informatici, dalla creazione di percorsi culturali alla promozione del patrimonio artistico.

«Sono stati sostenuti oltre venti progetti o realtà statali in tutta la Toscana - spiega Massimo Soletti dei Popolari per Arezzo, - dunque ci sembra paradossale che una città ricca di storia, di cultura e di arte come Arezzo sia stata tagliata fuori. Questa situazione deve rappresentare un campanello d'allarme per la politica aretina affinché si mobiliti con le altre istituzioni ed enti del territorio per raggiungere una seria programmazione culturale e per evitare di vedere nuovamente sfumare in futuro l'opportunità di accedere a nuovi finanziamenti».

Popolari per Arezzo - Museo d'Arte Medievale e Moderna Questi gli orari risicati di apertura del museo e le condizioni in cui vengono presentati al pubblico

L'urgenza di avviare nuove politiche in questo settore è evidenziata anche dalle difficoltà attualmente vissute da alcuni musei statali cittadini. Tra questi c'è il Museo d'Arte Medievale e Moderna che, a causa della carenza del personale e della mancanza di un sistema di allarme, non è in grado di offrire orari di visita continuati e, di conseguenza, non valorizza e non rende pienamente fruibili opere e autori tanto importanti come Vasari, Bartolomeo della Gatta e Signorelli. Allo stesso tempo è scarsa la visibilità e la promozione del museo archeologico "Mecenate", altra struttura che ospita pezzi di pregevole valore, mentre non è mai stata considerata la proposta e la possibilità di allestire un percorso Vasariano tra le piazze, le chiese della città e le realtà statali come il museo e Casa Vasari.

«La nuova giunta - aggiunge Andrea Gallorini, presidente dei Popolari per Arezzo, - finora si è limitata a spot politici legati esclusivamente alla possibilità di non ripetere Icastica o alla creazione nel 2016 di un evento legato a Piero della Francesca di cui, purtroppo, ancora non sappiamo nulla. L'arte porta turismo e nuove risorse economiche per il territorio, dunque esprimiamo la necessità di avviare un vero progetto culturale per rilanciare il patrimonio della città di Arezzo».

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente soldi per Arezzo dal Ministero dei Beni Culturali. La denuncia dei Popolari

ArezzoNotizie è in caricamento