M5S: "Arezzo Fiere e Teatro Tenda, i cittadini chiedono il conto"

Il gruppo pentastellato commenta i costi di manutenzione del Teatro Tenda

Il Movimento 5 Stelle di Arezzo interviene in merito alle spese e alla gestione di Arezzo Fiere e Teatro Tenda.

"Dopo aver insabbiato velocemente la pratica ​Arezzo Fiere​ con un debito che supera i ​3 milioni di euro​ e ​nessun piano di rilancio​ per una struttura che, solo nel 2018, ha generato ben ​4 milioni di euro di debiti​, è la volta del fantomatico ​Teatro Tenda​, struttura costruita e lasciata a se stessa, ​pochissimi spettacoli​ ma ben ​76mila euro​ di manutenzione.

Soldi, come sempre, dei cittadini. Soldi che potrebbero essere investiti in sicurezza, ambiente, scuola, sanità. Possibile che nessuno dica nulla? Possibile che gli Aretini accettino ancora, dopo tutti questi anni, un modus operandi così grottesco? Un modo di lavorare che è lo stesso delle precedenti amministrazioni che si sono via via alternate.

Oltre alle pose in mascherina ed ai librettini pubblicitari, sempre e solo a spese dei cittadini, cosa sta facendo questa Amministrazione? Perché non abbiamo un piano di rilancio per Arezzo Fiere e per il Teatro Tenda?

Ci sono liste e candidati a sindaco che altro non sono che i soliti volti del passato, un passato che ha generato questo tipo di problemi e che non ha saputo dare risposte e piani di rilancio. Essi sono responsabili di scelte di partito relative al Centro Fiere e ai debiti da esso generati nonché all’abbandono del Teatro Tenda, mentre gli Aretini continuano a pagare il conto salatissimo di gestione scellerate che durano da decenni.

Il nostro impegno è libero, non scendiamo a compromessi, non facciamo giochi di potere, abbiamo solo voglia di costruire una città diversa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti fra comuni, scuole, circoli ed estetiste. Cosa si può fare nella Toscana arancione

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento