rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Politica

Montemignaio: due candidati per la poltrona di sindaco. I programmi e le liste

Roberto Pertichini e Federico Dini. Sono loro i due contendenti che si sono presentati per il rinnovo del governo di Montemignaio. Il prossimo 11 giugno, passeranno sotto al giudizio della volontà popolare nella tornata di votazioni che...

Roberto Pertichini e Federico Dini.

Sono loro i due contendenti che si sono presentati per il rinnovo del governo di Montemignaio. Il prossimo 11 giugno, passeranno sotto al giudizio della volontà popolare nella tornata di votazioni che porteranno all'individuazione del nuovo sindaco. Roberto Pertichini si è presentato con la lista "Per Montemignaio".

Un gruppo di dieci cittadini tra i quali compare anche Massimiliano Mugnaini, attuale sindaco.

La candidatura di Pertichini, così come sottolineato dai sostenitori stessi, "si pone in continuità con il lavoro dell'amministrazione uscente e vuole essere il proseguo di dieci anni di governo del territorio".

Roberto Pertichini è stato per quasi 15 anni presidente della polisportiva del paese e, durante gli anni di governo Mugnaini, è stato incaricato di ricoprire il ruolo di responsabile esterno per le frazioni.

A sostenere l'impegno di Pertichini ci sono i candidati della sua lista: Massimiliano Mugnaini, Agnoloni Marco, Alpi Daniela, Bartoli Sara, Bernardini Cristiana, Castri Andrea, Coresi Tarcisio, Giuntini Alessio, Pecorini Roberta, Venturi Carlo.

"L'obiettivo primario di questo gruppo - si legge nella presentazione della lista - rimane quello di cercare di mantenere e favorire una sempre maggior coesione all'interno della nostra comunità. Un paese unito è più forte di un paese diviso. Questa lista nasce al servizio di Montemignaio, con persone di idee e provenienze eterogenee che hanno trovato un punto di partenza comune nel mettersi a servizio della nostra magnifica comunità."

"Ho accettato di lanciarmi in questa avventura - spiega Roberto Pertichini - perché sapevo di poter contare sull'appoggio di persone come Massimiliano e dei tanti giovanissimi che hanno dato il proprio supporto per costituire la squadra. Nella corsa elettorale sono accompagnato da tanti under 30, montegnanesi doc, laureati e con tanta voglia di fare del loro meglio per la propria comunità. Cercheremo di mantenere quello che abbiamo a Montemignaio puntando a valorizzare il territorio e le sue eccellenze. Non è più tempo di grandi promesse. Cercheremo di fare del nostro meglio per la comunità. Ultima considerazione, se mai dovessimo diventare minoranza, se gli elettori non volessero accordare a noi la loro fiducia, spero sinceramente di fare il mio lavoro bene come è stato fatto fino ad oggi dai consiglieri di opposizione che hanno sempre tenuto un comportamento rispettoso e collaborativo".

Il programma della lista Per Montemignaio

Federico Dini invece è stato negli ultimi cinque anni consigliere comunale di minoranza a Montemignaio e rappresentante nell'assise dell'Unione dei Comuni del Casentino.

La sua candidatura è appoggiata dalla lista Progetto per Montemignaio e ne fanno parte: Laura Seghi, Alfredo Caruso, Elisabetta Bini, Ottavio Taverni, Domenico Morisi, Lucia Masi, Mriko Latorraca e Luciano Orlandi. "Il mio impegno negli anni passati e nelle passate legislature - spiega l'aspirante nuovo sindaco - è stato sotto gli occhi di tutti. Ho partecipato attivamente al consiglio comunale presentando sempre numerose interrogazioni e proposte su argomenti come le infrastrutture, la sanità e lo sviluppo del nostro territorio. L'esperienza di governo alla quale ho partecipato è stata nel suo complesso buona. A Mugnaini non sono possono che riconoscere i propri meriti. Ma, allo stesso tempo, sono fermamente convinto che per questo territorio serva un cambio di marcia. Il Comune infatti, non può fare solo il ragioniere perché, per quanto svolga bene questo compito, deve allargare le proprie vedute e coinvolgere la società in maniera diretta. Uno dei punti centrali del mio programma verte sulla possibilità di far crescere Montemignaio e renderlo una località appetibile per visitatori e turisti. Siamo per troppo tempo rimasti tagliati fuori dai circuiti di promozione turistica. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Il paese è diventato un dormitorio e le attività che vi erano sono andate via via scomparendo. Ultimo esempio l'albergo-pizzeria che adesso ospita migranti e non più turisti. Abbiamo bisogno di dare una nuova vita a questa comunità in modo da valorizzarne i punti di eccellenza".

Il programma di Progetto per Montemignaio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montemignaio: due candidati per la poltrona di sindaco. I programmi e le liste

ArezzoNotizie è in caricamento