Giovedì, 23 Settembre 2021
Politica

Monte San Savino. Orizzonti Comuni sulla giunta: "Dove è il nuovo che avanza?"

E' dalla lista 52048 Orizzonti Comuni, la formazione che durante la campagna elettorale ha appoggiato la candidatura di Gianni Bennati, che arrivano le prime considerazioni riguardanti la formazione della nuova giunta del Comune di Monte San...

consiglieri-orizzonti

E' dalla lista 52048 Orizzonti Comuni, la formazione che durante la campagna elettorale ha appoggiato la candidatura di Gianni Bennati, che arrivano le prime considerazioni riguardanti la formazione della nuova giunta del Comune di Monte San Savino.

"Che tristezza vedere persone giovani, che hanno contribuito in maniera determinante al risultato elettorale, sedute sui banchi del consiglio comunale con il solo compito di alzare la mano a comando. Niente voce, nessuna decisione, in quanto al dissenso lasciamo perdere. L'unico loro compito è di votare si.

Gli accordi e le promesse elettorale già dimenticate.

E si che Ilaria Vanni, Simone Romanelli, Damiano Petroni e Martina Lachi dovevano essere il nuovo che avanza rappresentando quella freschezza tanto ostentata dalla lista Scarpellini.

Questa mattina Alberoro, la località che più di ogni altra ha votato in maniera compatta per queste persone si ritrova con il cerino in mano, esclusa da qualsiasi posizione decisionale.

La giunta poi, come scritto nell'anticipazione di ieri, è composta dall'Assessora (come preferisce definirsi) Erica Rampini, savinese di origine ma aretina a tutti gli effetti, dall'ex consigliere Alessio Clemente Maina, dall'architetto Nicola Meacci, osteggiato dalla stessa Scarpellini fin dall'inizio della campagna perché non lo voleva neppure nella lista e fratello di quel Marco Meacci già sindaco di Monte San Savino e segretario provinciale del Pd che nell'ultimo decennio non ne ha indovinata una neanche per sbaglio e da Marzio Pagliai, nominato vice sindaco, uscito dalla tornata elettorale con uno scadente risultato personale e escluso dal consiglio comunale.

Queste sono le premesse dell'amministrazione Scarpellini 2.0, un sequel di un film di scarso successo.

Nel 2017 a Monte San Savino le dinamiche dei partiti ancora fanno presa, dinamiche che però non tengono minimamente conto ne delle persone, ne delle esigenze del territorio, ma perseguono esclusivamente i propri interessi di bottega.

Il capoluogo, stando al risultato elettorale, ha chiaramente dato dei segnali diversi premiando noi 52048 Orizzonti Comuni, le frazioni invece sono ancora legate alle logiche di appartenenza politica, fidandosi, a torto, delle promesse di quei partiti che alla prima occasione buona le disattendono regolarmente.

Forse anche loro si accorgeranno finalmente che è giunto il momento che, quando si vota, si scelga invece le persone, le loro idee, i loro programmi, la loro autonomia e libertà, qualità molto, ma molto, più importanti delle tessere o delle sigle di organizzazioni politiche nazionali.

Meglio soli e liberi che pedine in mano alle segreterie...

Degli altri consiglieri di minoranza, il gruppo Rinascimonte, facciamo fatica ad occuparcene, perché anche ieri sera non hanno smentito la loro pochezza e la loro fedeltà alla linea governativa ed infatti, ad ulteriore riprova di quello che da tempo diciamo, i loro esponenti, a scapito dei nostri, sono stati eletti in commissione elettorale ed in commissione giudici popolari con i voti determinanti della maggioranza.

Nel fare opposizione, fino a prova contraria, siamo da soli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monte San Savino. Orizzonti Comuni sulla giunta: "Dove è il nuovo che avanza?"

ArezzoNotizie è in caricamento